Bill Smith Quartet a Macerata

Postato Lug 22 2009 - 12:00am da ITG

La quinta tappa del Musicamdo Jazz il 24 Luglio alle 21,30 ferma a Macerata in Piazza Cesare Battisti. Il protagonista sarà Bill Smith con il suo quartetto costituito da una ritmica rigorosamente italiana: Alessandro Lanzoni, giovane talentuoso pianista fiorentino; Amedo Ronga al contrabbasso; Stefano Rapicavoli alla batteria. L’associazione Musicamdo con il patrocinio dell’UniCam e della Provincia di Macerata con questo appuntamento ha deciso di rendere omaggio all’artista che per primo ha traghettato il Jazz da una dimensione puramente acustica a quella elettronica.

Bill Smith rappresenta infatti una vera e propria icona del Jazz contemporaneo, è il padre nobile del cosmopolitismo jazzistico, nonché inventore di una estesa gamma di tecniche innovative basate sulla fisica manipolazione e “violazione” di uno strumento classico come il clarinetto, con l’intento di modificarne radicalmente il timbro. Così come è sua l’idea, raccolta successivamente da musicisti appartenenti ad altri ambiti musicali e con altri strumenti a fiato, di suonare contemporaneamente due clarinetti per ottenere suggestive diplofonie.

Clarinettista e compositore, emerso con Dave Brubeck negli anni del West Coast Jazz, Bill Smith e’ artista di rigorosa formazione classica e accademica, che occupa un posto importante nella storia della musica jazz, senza aver mai smesso di percorrere le strade dell’innovazione e della sperimentazione. È stato co-fondatore del Dave Brubeck Octet, e con lo stesso ha registrato numerosissimi albums, succedendo poi a Paul Desmond nel Dave Brubeck Quartet degli ultimi anni. Con il pianista John Eaton ha formato l’American Jazz Ensemble, con cui ha suonato in Europa e negli Stati Uniti. In Italia agli inizi degli anni sessanta ha lavorato a Roma con i musicisti più interessanti del jazz italiano: Armando Trovajoli, Gianluigi Trovesi, Gianni Basso, Lelio Luttazzi, Enrico Pieranunzi. La sua discografia è straordinariamente ricca: tra gli album più importanti ricordiamo la serie con Dave Brubeck e gli album con Shelly Manne, Jim Hall, Paul Motian, John Eaton. A Bill Smith l’indimenticabile compositore Luigi Nono dedicò addirittura il suo concerto per clarinetto. Ecco allora che l’esibizione maceratese rappresenta un vero e proprio appuntamento con la storia del Jazz al quale sarebbe un peccato mancare.

Il concerto è completamente gratuito e all’ingresso nel pieno spirito di convivialità sarà offerto un calice di benvenuto di Verdicchio di Matelica. Su prenotazione a partire dalle ore 19,00 sarà possibile usufruire di visite guidate gratuite della città per ammirare le sue bellezze rinascimentali, barocche e neoclassiche.

Visite guidate gratuite Info e prenotazioni Tel. Samuele 333.7966426

Commenta con Facebook