Comunicato Stampa A.N.P.I.

Postato Dic 24 2008 - 12:00am da ITG

Quello che segue è il Comunicato Stampa dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, Sezione di Macerata

Da qualche tempo alcuni movimenti di estrema destra hanno cominciato ad organizzare piccole e sporadiche manifestazioni che, camuffate da simboliche azioni di protesta sociale, altro non sono che il tentativo di legittimare se stessi e i propri riferimenti ideali, che si richiamano apertamente al fascismo.

E’ il caso dell’associazione Casapound, che, tra volantini, tazebao e croci celtiche ostentate sugli immancabili giubbotti neri, domenica mattina ha distribuito pane gratuito in piazza a Macerata. Queste speculazioni sulla pessima situazione economica vissuta da un sempre maggiore numero di italiani ci preoccupano molto, soprattutto se i tentativi di mischiare il malcontento sociale con elementi di razzismo e neofascismo – con tutto il sottobosco che questi portano, come le svastiche tracciate sui muri, la devastazione delle rose piantate in memoria dei bambini ebrei morti nei campi nazifascisti, fino ad arrivare alle aggressioni fisiche che nel recente passato hanno interessato anche le cronache locali – vengono accolti nell’indifferenza delle autorità e delle istituzioni chiamate a vigilare sul rispetto della legge Mancino e della XII disposizione finale della Costituzione.

Di fronte ad una crisi economica che promette un peggioramento generalizzato delle condizioni di vita, aumentano infatti i rischi derivanti da bassi tentativi di costruire consenso intorno a sentimenti di paura e disprezzo verso il diverso, l’altro, lo straniero. Per questo l’Anpi di Macerata invita tutti i cittadini democratici e antifascisti alla vigilanza contro qualsiasi rigurgito xenofobo, affinché nel nostro territorio non trovino spazio questi sentimenti condannati dalla storia che, quando provano a riemergere, spesso producono violenze; come nel caso della spedizione squadrista con spranghe e bastoni che il Blocco studentesco – organizzazione che fa riferimento proprio a Casapound – ha operato contro il corteo degli studenti medi che a Roma stavano manifestando contro i tagli alla scuola proposti dal governo, l’uccisione del clochard a Rimini o del giovane italiano di origini africane che a Milano è morto tra i colpi di bastone e le urla “sporco negro”.

Commenta con Facebook