Digital Tales per i Bambini di Emergency

Postato Nov 18 2008 - 12:00am da ITG

Digital Tales, società che realizza applicazioni software di Interactive Advertising per il Web, E-Learning, Videogiochi e Spot in Computer Grafica, è orgogliosa di annunciare di aver realizzato l’intera immagine coordinata della mostra internazionale itinerante “Adotta un disegno” di Emergency. Digital Tales, nello specifico, ha realizzato il progetto e la successiva esecuzione del catalogo, dei manifesti e di altri elementi correlati, oltre alla promozione del progetto stesso, alla realizzazione del sito web dedicato alla mostra www.adoptadrawing.com e al libro associato.

Giovanni Bazzoni, AD di Digital Tales, ha dichiarato “Ci auguriamo ovviamente che questa meritevole iniziativa riscontri un enorme successo, per sensibilizzare quindi in maniera corretta l’opinione pubblica sulla barbarie della guerra e sulle diverse modalità di incontro e scambio fra culture. Siamo ovviamente orgogliosi di aver preso parte, dando il nostro contributo, ad un progetto così importante”.

“Adotta un disegno” ha visto la raccolta negli ospedali di Emergency dei disegni e delle storie dei bambini ricoverati. Questi disegni sono stati poi presentati ad artisti visivi e musicisti internazionali che li hanno reinterpretati creandone delle nuove opere.

Le opere degli artisti, le storie e i disegni dei bambini sono diventate il progetto di una mostra internazionale itinerante, corredata da un catalogo a cui è stato allegato un film-documentario in cui la voce di Vauro Senesi e quella di Paolo Rossi raccontano la storia dei bambini protagonisti, ripresi mentre disegnano, per arrivare poi alle creazioni degli artisti. La mostra ha toccato o toccherà città come Genova, Torino, Milano, Firenze, Venezia, Londra, Berlino, Parigi per concludersi a New York nel 2009.

L’intero progetto è dedicato ad Emergency, alle cui attività sono destinati i proventi delle vendite del cd e delle opere d’arte. La mostra è realizzata in collaborazione con Fandango, Nunflower, Radiofandango e Comunicare Organizzando.

Commenta con Facebook