Metro Last Light Recensione Playstation 3 Xbox 360 PC

Postato Mag 15 2013 - 12:00am da ITG

Metro: Last Light è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Il nome di 4A Games è probabilmente sconosciuto ai più: si tratta di un team di sviluppo dell’Est Europa che ha dato vita a Metro 2033, basato sull’omonimo romanzo di Dmitry Glukhovsky. Il gioco seppe differenziarsi dalla conoscenza soprattutto grazie ad alcune azzeccatissime idee in fatto di gameplay, tanto da riuscire a crearsi uno zoccolo duro di fan di tutto rispetto. Un seguito era quindi più che prevedibile: vediamo se Metro: Last Light riesce a tenere testa al suo predecessore...

È l’anno 2034. Sotto le rovine di una Mosca post-apocalittica, tra i tunnel della metro, quel che rimane dell’umanità deve affrontare minacce letali provenienti dall’esterno… e dall’interno. Terribili mutanti razziano i cieli saturi di sostanze tossiche e infestano le catacombe sotto la superficie desolata. Nonostante questo, invece di restare unite, le città-stazioni della metropolitana sono alle prese con una feroce lotta per conquistare il potere assoluto grazie a un congegno apocalittico nascosto nel bunker militare D6: una guerra civile che rischia di cancellare per sempre l’intera umanità.

Caratteristica peculiare di Metro 2033 era quella di essere uno shooter atipico, con forti connotazioni survival, caratterizzato dal fatto inoltre di utilizzare le munizioni come moneta: questa formula è stata in parte riutilizzata anche per Last Light.

In questo caso però, essendo i nemici quasi sempre umani, non avremo alcuna difficoltà a rifornirci continuamente di proiettili, con la conseguenza che a livello normal il titolo si fa fin troppo facile, soprattutto se paragonato al primo capitolo.

Dal punto di vista del gameplay troviamo una grande diversificazione di armi con ripercussioni a livello del loro utlizzo; non mancano poi elementi stealth, con meccaniche basate sostanzialmente sui rumori e la luce.

Le missioni all’aperto sono decisamente migliorate, donando maggiore coinvolgimento e confezionando una fluidità di gioco più convncente che in passato, complice anche il fatto che le maschere antigas sono decisamente più resistenti e la durata dei filtri viene monitorata grazie a dun orologio digitale.

Dal punto di vista tecnico, Metro Last Light offre un motore che regala scorci incredibilmente suggestivi, oltre a modelli di tutti i personaggi assolutamente convincenti e splendidamente animati: possiamo assicurarvi che in più di un’occasione resterete a bocca aperta, complici anche gli stupendi effetti luce che donano ancora maggiore ispirazione alle ambientazioni; purtroppo il prezzo da pagare è un frame rate un po’ ballerino. Ottimo anche il sonoro, con un doppiaggio italiano di buon livello (anche se quello russo è tutta un’altra cosa), buone musiche d’atmosfera ed effetti sonori di sicuro impatto.

IN CONCLUSIONE
I ragazzi di 4A Games hanno voluto battere la strada della sicurezza, riproponendo in Last Light molti degli elementi che hanno fatto la fortuna di Metro 2033. In effetti le modifiche apportate rispetto al predecessore sono minime, la più importante delle quali riguarda la maggior disponibilità di proitettili, che fa venir meno la componente survival del titolo. E’ stata al contempo resa più fluida l’esperienza all’aperto, mentre l’aspetto tecnico è tale da lasciare in più di un’occasione a bocca aperta, anche se al prezzo di un frame rate un po’ ballerino.

GLAMOUR 9
GRAFICA 9.3
SONORO 8.8
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 8
TOTALE 9

Commenta con Facebook