Mussolini, Borghezio, Santanchè, Giovanardi: I Black Bloc di Sabato 15 Ottobre ispirati dal Videogame State of Emergency!

Postato ott 22 2011 - 12:00am da ITG
images1434.jpg

Se non ci fosse da piangere ci sarebbe veramente da ridere!!! Probabilmente avrete seguito quanto accaduto nel corso della manifestazione degli Indignati dello scorso sabato 15 Ottobre a Roma. Il "fantomatico" Black Bloc si è reso protagonista di scontri molto violenti, atti di saccheggio, macchine bruciate etc. etc. di cui avrete letto vari report, immagini e video.

In tanti si stanno interrogando, sia tra le forze politiche, sia tra i Movimenti stessi, su quanto accaduto. Noi non siamo un sito di politica e quindi evitiamo di dire la nostra. Qualcun’altro invece è voluto intervenire e ha capito il VERO PROBLEMA: un videogame ovviamente!!! Più precisamente il pessimo titolo uscito una caterba di anni fa (2002 per la precisione) su Playstation 2 ed Xbox. Qualcuno di voi ricorda State of Emergency? Probabilmente no, comunque secondo Alessandra Mussolini è la principale fonte di ispirazione dei Black Block e per questo ne chiede il sequestro (a trovarne di copie ancora in giro). Ecco quanto ha dichiarato la Mussolini: "Si tratta di un terribile presagio di quanto è accaduto a Roma solo pochi giorni fa- ha detto la Mussolini- Seppur virtuale, questo tipo di videogiochi violenti non devono più circolare in Italia perché mettono in pratica la violenza e favoriscono l’illegalità e il crimine. Farò un esposto alla Procura di Roma affinché State of Emergency venga sequestrato. La trama è scandalosa: si accumulano punti colpendo il poliziotto e provocando la guerriglia urbana. Mi chiedo, ma che generazione stiamo creando? Dai dati Swg oggi i consumatori iniziano a giocare a sei anni, ormai purtroppo spesso fuori controllo dai genitori. Come si fa a dire che sono innocui?"

Klaus Davi, che da mesi sembra abbia lanciato una vera e propria crociata anti videogiochi, non contento di aver intervistato la Mussolini, ha raccolto anche le opinioni della Santanchè, di Borghezio e di Giovanardi. Dulcis in fundo, un bel servizio veramente BEN FATTO del TG5. Come apriva Blob qualche anno fa: "sono le cose più orribili che abbia mai visto in vita mia"!!!

Lasciata una riposta