F1 2017 svela una nuova vettura da leggenda

Postato Giu 1 2017 - 3:19pm da ITG

In seguito al recente annuncio di F1 2017, il videogioco ufficiale della FIA FORMULA ONE WORLD CHAMPIONSHIP , di Codemasters e Koch Media, abbiamo appreso che il gioco includerà il ritorno delle auto classiche della serie F1, oltre ad una modalità carriera ancora più profonda, numerosi miglioramenti al multiplayer ed una nuova modalità di gioco “Campionato”. Codemasters ha presentato oggi la Red Bull Racing RB6 del 2010, che sarà la quarta vettura classica che apparirà nel gioco. F1 2017 sarà disponibile in tutto il mondo su PlayStation 4, Xbox One e PC Windows (DVD e Steam) il 25 agosto 2017.

Codemasters ha pubblicato anche il trailer che mostra l’auto vincitrice del Campionato mondiale costruttori, la Red Bull Racing RB6 del 2010, guidata dal campione del mondo Sebastian Vettel e dal compagno di squadra Mark Webber. Altre auto classiche saranno svelate nelle prossime settimane.

La Red Bull Racing RB6 è stata la protagonista del 2010, con 9 vittorie, 15 pole position e 6 giri più veloci. Christian Horner, Team Principal di Red Bull Racing ha dichiarato: “La RB6 è stata la nostra prima auto a vincere un Campionato, per questo è molto speciale per noi. Il 2010 è stato un anno da sogno per Red Bull Racing, che ci ha permesso di raggiungere i nostri obiettivi in modo convincente e dominante, lasciando un grande testamento a questo veicolo, ai piloti e all’impegno della squadra. Siamo orgogliosi che il modello RB6 sia incluso tra le auto classiche del videogioco F1, è certamente un classico per noi e sono sicuro che i giocatori ameranno guidarla per cercare di ricreare quei momenti d’oro in pista.”

I giocatori che effettueranno il pre-order o acquisteranno il gioco al ‘Day One’ di F1 2017 avranno accesso alla fantastica McLaren MP4/4 del 1988, come parte della ‘F1 2017 Special Edition.’ In alternativa, la McLaren MP4/4 potrà essere acquistata più avanti. Le altre undici vetture classiche saranno disponibili in tutte le edizioni del gioco.

Commenta con Facebook