La Battaglia di Caporetto in un Videogame per PC

Postato Feb 24 2015 - 10:07am da ITG

 “Ma in una notte trista si parlò di un fosco evento e il Piave udiva l’ira e lo sgomento Ahi quanta gente ha vista venir giù lasciare il tetto poi che il nemico irruppe a Caporetto”. (“La leggenda del Piave”
E. A. Mario).

Una disfatta tale da diventar parte integrante dei modi di dire di una lingua, a rappresentare un tracollo verticale sul campo di battaglia ed in qualsiasi altro ambito lo si voglia collocare.

Questa è Caporetto per l’Italia, questa è la storia di una prima volta virtuale, questa è la storia di Breaking the Deadlock!

L’ Europa stava vivendo una situazione di stallo e le truppe erano asserragliate nelle loro trincee, perché le speranze di una rapida vittoria erano svanite da ambo le parti. Quando il fronte occidentale si mostrò tranquillo, sia gli Imperi Centrali che l’Intesa cercarono un modo per prevalere l’uno sull’altro, ricercando nuovi alleati nella regione dei Balcani, lanciando campagne in Medio Oriente o cercando di sfondare su diversi fronti. Tutto questo aveva un solo obiettivo: Breaking the Deadlock.

To End All Wars: Breaking the Deadlock è l’espansione di uno dei più dettagliati giochi sulla Prima Guerra Mondiale creati sino ad ora, che presenterà 5 nuovi scenari ai giocatori, che potranno misurarsi in specifiche campagne in Italia, nei Balcani e anche in Medio-Oriente, per superare la situazione di stallo e vincere la guerra in To End All Wars.

Breaking the Deadlock è composto da cinque nuovi scenari, tra cui “Serbia 1915”, “Romania 1916”, “Palestina 1917-1918”, “Grande campagna 1916” e, ovviamente, “Caporetto 1917-1918”

Lo scenario dedicato a Caporetto riproduce gli accadimenti tenutisi all’epoca nel Nord del Paese, dove le forze austro-ungariche e tedesche assestarono un colpo decisivo all’esercito italiano. La Seconda Armata Italiana era impreparata ad affrontare l’offensiva tanto da subire una storica sconfitta. “Breaking the Deadlock” permette al giocatore di riscrivere la storia trasformando una disfatta in uno storico successo.

Commenta con Facebook