Obodo: Volevano Uccidermi, mi sono liberato da solo

Postato giu 11 2012 - 12:00am da ITG
obodo12.jpg

Sempre più drammatici i toni del rapimento di Obodo, che per fortuna ha avuto una conclusione positiva. Il centrocampista del Lecce ha infatti raccontato di essersi liberato da solo dopo aver capito che i sequestratori lo avrebbero voluto uccidere.  Ecco il suo racconto.

“Non mi hanno liberato, sono riuscito a scappare. Tre dei rapitori loro sono andati a ritirare il denaro, ma sono stati catturati. Uno è rimasto con me, ha preso il cellulare di una ragazza e ha chiamato. Quando ho sentito che gli dicevano di uccidermi, ho deciso di rischiare: l’ho spinto, è caduto in un burrone e sono scappato. Quando sono arrivato in chiesa alcuni uomini incappucciati mi hanno preso  abbiamo fatto un viaggio di 3 ore e mi hanno portato in un luogo in mezzo alla foresta, non si vedeva niente. Mi hanno fatto sedere, mi hanno coperto la faccia e mi hanno intimato di chiedere il riscatto alla mia famiglia.”
“Prima della fuga ho chiesto aiuto e sono stato riconosciuto. Poi anche l’altro complice è stato arrestato. Comunque a organizzare il sequestro è stata una delle tante persone che io ho aiutato”.

Lasciata una riposta