Touch My Katamari Ridge Racer Recensioni Playstation Vita

Postato Apr 28 2012 - 12:00am da ITG

Su Amazon.it trovate al prezzo più basso d’Italia e senza spese di spedizione i giochi di Playstation Vita Ridge Racer e Touch My Katamari: cliccare per credere!

La line-up iniziale di Playstation Vita è stata così copiosa che a distanza di due mesi dall’uscita della nuova console portatile di casa Sony, ancora non abbiamo terminato di recensire tutti i videogames usciti al day one. Per recuperare abbiamo deciso quindi di accorpare le nostre opinioni su alcuni prodotti. Oggi presentiamo due titoli Namco Bandai: Ridge Racer e Touch My Katamari.

TOUCH MY KATAMARI
Dopo tanti successi sia in fatto di critica che di pubblico, la folle serie di Katamari arriva anche su Playstation Vita. Il titolo Namco Bandai ripropone così quel gameplay in stile puzzle-game e arricchito da una massiccia dose di humour e demenzialità. Katamari va sicuramente ricondotto al genere dei puzzle games se pur abbia delle caratteristiche peculiari tutte sue. In pratica dovremo andare a costruire un insieme di oggetti che si va ad ingrandire in stile palla di neve. La caratteristica peculiare di questo strano macro-aggregato e che raccoglierà solo elementi che siano di dimensioni minori rispetto a questa “pseudo palla di neve”. Ecco che quindi entrerà in gioco la strategia e la tattica per costruire il nostro insieme nel tempo più rapido possibile e più grande possibile. Difficilmente forse riuscirete a capire perfettamente l’interazione proposta da TMK ma vi assicuro che si tratta del tipico gioco molto semplice inizialmente ma che poi richiederà molta dedizione per essere completamente sviscerato.

Riguardo infine l’aspetto visivo, Touch Katamari non entusiasma di certo in fatto di potenza computazionale. Non è comunque dai puzzle games che ci si aspetta un aspetto visivo da “spremi scheda grafica” ma il titolo di Namco Bandai può contare su di una estetica veramente molto elegante ed autoriale oltre ad una colonna sonora veramente coinvolgente e che spazia in ogni ambito di genere (dal funky alla musica classica, passando per il pop giapponese e molto altro ancora!).

Touch My Katamari Ridge Racer Recensioni Playstation Vita

Alcune features di Playstation Vita utilizzate non fanno particolarmente la differenza rispetto agli altri capitoli già provati su altre console ma se amate la serie o siete alla ricerca di un tipo di interazione ludica fuori dagli schemi, prendete in seria considerazione Touch My Katamari.

Voto: 7.5

RIDGE RACER
Ridge Racer da qualche anno è diventato il titolo “avanguardia” per eccellenza. Chiaramente non ci riferiamo a innovazioni ludiche o strutturali, da questo punto di vista RR è assolutamente ultra conservatore (a parte Ridge Racer Unbounded…), quanto per il fatto che su tantissime console è stato fra i primissimi titoli ad uscire sui nuovi hardware. E’ accaduto in passato, è accaduto recentemente su Playstation 3 e Nintendo DS, ed è avvenuto nuovamente anche su Playstation Vita. Andiamo quindi subito a scoprire se le macchine di Namco si sono adattate al meglio alla “next generation portatile” di Sony…

Ridge Racer è assolutamente ultra conservatore e conferma questa sua “natura” anche su Playstation Vita. La produzione Namco – Bandai non si discosta di un particolare dalla classica formula arcade, boost e con tante derapate come i precedenti a cui va sommato un ottimo design delle piste realizzate con maestria. Un classico “arcade oriented” al 100% che comunque sarà apprezzato da chi cerca in un racing game immediatezza e senza alcuna velleità simulativa.

Touch My Katamari Ridge Racer Recensioni Playstation Vita

Riguardo l’aspetto tecnico, Ridge Racer da un parte si presenta con un frame rate granitico a 30 fps. D’altra parte, a livello visivo la produzione Namco non può essere paragonato ad altri titoli di PSVita per quanto riguarda dettaglio visivo e qualità di effetti grafici. Questo però non vuol dire che RR sia un pessimo titolo da questo punto di vista, tutt’altro: se escludiamo un numero di poligoni non troppo elevato per alcuni elementi (comprese le vetture che comunque si lasciano apprezzare), per il resto le piste presentano dei bei background molto ampi, spettacolari e ricchi di particolari spaziando da estetiche metropolitane a tracciati più rurali. Infine lodi, lodi e lodi alla soundtrack del gioco, musica elettronica di elevatissima qualità (dalla techno all’house, passando per ambient e disco funk) assolutamente perfetta per aumentare l’adrenalina in corpo fra una derapata e l’altra…

Ciò che lascia perplessi è stata la scelta di Namco Bandai di proporre il titolo a prezzo ridotto ma con sole 5 vetture e 3 circuiti. L’idea è quella di allargare poi l’esperienza di gioco con vari DLC (gratuiti e a pagamento) ma il rapporto quantità/prezzo (nonostante la presenza di una componente multiplayer on line) non ci ha convinti. Così spiegato il voto finale…

Voto: 5

Commenta con Facebook