Warhammer 40.000 Dawn of War III – La Recensione

Postato Mag 8 2017 - 3:27pm da ITG

VINCI WARHAMMER 40.000 DAWN OF WAR 3 GIOVEDI’ 11 MAGGIO CON IL TGTECH DI SIMPLY RADIO. TUTTI I DETTAGLI QUI

Dopo un periodo piuttosto povero di novità per gli amanti degli strategici in tempo reale, questo inizio di 2017 è stato fruttuoso con nuovi RTS e soprattutto di titoli di alta qualità. Su Xbox One e Windows 10 è arrivato qualche settimana fa Halo Wars 2, mentre in esclusiva su PC  è finalmente disponibile l’attesissimo (vista l’eccellenza dei precedenti capitoli e delle altre opere dei programmatori di Relic) Warhammer 40.000 Dawn of War III che andiamo subito a conoscere più da vicino sin dal prossimo paragrafo…


Dawn of War III – Prophecy of War di pesfifagamesitalia

Come il suo illustre predecessore, Warhammer 40,000: Dawn of War III è ambientato nell’universo di Warhammer 40.000 di Games Workshop: un mondo oscuro, futuristico e fantascientifico caratterizzato da guerrieri tecnologicamente avanzati, macchine distruttrici e orde di nemici implacabili costantemente in Guerra per volontà di potenza, odio reciproco, estremismo religioso ed altre belle cose come queste.

Le battaglie di Dawn of War III prendono vita con tre fazioni familiari che si scontrano ancora una volta: Space Marines, super soldati geneticamente modificati che combattono per l’ Impero degli Uomini; gli Eldar, una razza misteriosa con potenti abilità psichiche; e gli Orki, un’orda violenta e brutale di giganti, divertenti da guardare ma terrificanti da incontrare

Dopo aver affrontato i tutorial, consigliabili anche agli appassionati di lunga data viste le novità di questo episodio, Warhammer 40,000: Dawn of War III propone uno story mode composto da 17 lunghe e ostiche missioni (separate da alcune cutscene molto suggestive ma in stile fumetto più che da film…) che ci vedranno prendere le redini di tutte e tre le fazioni e ci aiuteranno a prendere dimestichezza con tutte le possibilità proposte dal gameplay.

Abbiamo volutamente parlare di missioni ostiche perché Warhammer 40.000 Dawn of War III è indubbiamente un titolo indirizzato a gamer hardcore: nessun salvataggio automatico (ma quelli manuali li potremo utilizzare liberamente), necessità di utilizzare anche la tastiera per alcuni comandi, tanti parametri da prendere in considerazione, tra cui gli eroi Elite che hanno anche capacità passive nei confronti delle altre unità, sono alcuni degli elementi che rendono il titolo complesso e profondo, tutti aspetti che gli amanti degli strategici in tempo reale di lunga data apprezzeranno enormemente.

Una volta completato lo story mode (o anche prima se vorrete), potremo tuffarci nella possibilità multiplayer del gioco prodotto da SEGA di cui qui trovate tutte le recensioni italiane. L’apoteosi giunge con il 3 vs 3 ma anche con un numero di giocatori inferiore, il divertimento è assicurato.

Da segnalare come nella componente multiplayer online diverrà necessario difendere la propria base dall’assalto dei nemici se non vorrete incombere in una umiliante sconfitta. Qui dunque le dinamiche ludiche varieranno e si farà ancora più basilare l’aspetto strategico nel dosare al meglio le forze fra attacco e difesa.

Da un punto di vista grafico, Warhammer 40.000 Dawn of War III svolge benissimo il suo compito, risultando configurabile su hardware diverse ma con prestazioni convincenti. Molto positiva la possibilità di controllare il frame rate previsto nel corso del gioco modificando i parametri grafici direttamente nel menù mentre abbiamo trovato poco leggibili i sottotitoli in italiano dei dialoghi che non avevano alcuna possibilità di essere modificati a proprio piacimento.

La colonna sonora è semplicemente straordinaria, orchestrale ed epica al punto giusto, sempre puntuale rispetto all’azione di gioco. L’interpretazione dei dialoghi anche merita un commento positivo: i toni esasperati degli space marine, quelli enigmatici degli Eldar senza dimenticare i folli Orki, sono volutamente esagerati al punto giusto al’interno della proposta immaginifica del titolo.

IN CONCLUSIONE
Andando decisamente controcorrente, Relic con Warhammer 40.000 Dawn of War 3 ci regala uno strategico in tempo reale pensato per gli appassionati più “hardcore” senza la volontà di semplificare le dinamiche ludiche in modo eccessivo per i neofiti del caso. Il titolo si lascia apprezzare si in singolo che in multiplayer per una esperienza di gioco ostica e appassionante come non capitava da tempo nell’ambito degli strategici in tempo reale. Siamo di fronte ad un eccellente titolo da consigliare senza esitazioni agli amanti del genere videoludico di riferimento.

VOTO: 8.5

Commenta con Facebook