2020 anno di svolta per gli esports

Postato Set 16 2020 - 11:27am da ITG

Nel mondo dei videogiochi, il 2020 sarà sicuramente ricordato, soprattutto in Italia, come l’anno di svolta per gli eSports. A causa del lockdown ed il conseguente stop alle varie discipline sportive, tantissimi appassionati di calcio, Formula 1 e tennis hanno scoperto che esiste una realtà competitiva anche nei tornei professionistici di videogiochi.

Ma le affinità con gli sport classici non finiscono qui, infatti su queste sfide tra pro gamer si possono anche piazzare scommesse eSport per vivere con maggiore pathos i match.

E la scorsa primavera ci siamo così ritrovati alla simulazione di Gran Premi dove alcuni tra i più giovani piloti della F1 “reale” sfidavano i campioni degli eSports a motori. Poi ovviamente a farla da padrone nel nostro paese non può che essere che il calcio con una impennata di interesse per i campionati virtuali di Fifa 20, Pro Evolution Soccer 2020, senza dimenticare il “simulatore di allenatore”, Football Manager 2020.

Il fenomeno degli eSports ha dunque trovato una nuova dimensione con una popolarità inimmaginabile soltanto qualche mese fa, con importanti investimenti anche in fatto di sponsorizzazioni da parte di grande aziende multinazionali e nuovi soggetti come l’Osservatorio Italiano per gli eSports che fanno da aggregante alle varie realtà del settore.

E molto presto probabilmente gli eSports conosceranno un ulteriore ed importante ulteriore step evolutivo. Entro la fine del 2020 usciranno infatti le nuove console di Sony e Microsoft, rispettivamente Playstation 5 ed Xbox Serie X ed Xbox Serie X.

La maggiore potenza delle nuove macchine da gioco renderanno le simulazioni sportive destinate agli eSports ancora più realistiche, traducendosi in esperienze virtuali incredibilmente immersive. Ai nastri di partenza ci sarà Fifa 21 con una versione ad hoc per le nuove console, esattamente come NBA 2K21, il numero 1 dei giochi di basket che promette un realismo interattivo e grafico semplicemente sensazionale.

Konami invece si farà un po’ aspettare: per quest’anno ha deciso di puntare su un Season Update per Pro Evolution Soccer 2021 mentre solo con PES 2022 (atteso comunque per il settembre del prossimo anno) arriverà il loro primo titolo pensato ad hoc per le nuove console supportato da Unreal Engine 5, il nuovo motore grafico che promette faville.

Ma chi segue gli eSports in Italia? Non sorprenderà il fatto che sono soprattutto ragazzi e uomini, più specificatamente nel target anagrafico che va dai 18 ai 34. Nel 95% dei casi, oltre alle discipline virtuali segue anche gli sport reali con il calcio uber alles, seguito un po’ a sorpresa dal tennis.

Nelle preferenze sui loro videogiochi preferiti a svettare sono i già citati Fifa e PES che si piazzano rispettivamente in prima e terza posizione dei giochi preferiti: nel mezzo troviamo invece la mitica serie di sparatutto Call of Duty prodotta da Activision.

Gli appassionati di eSports sono anche fruitori in larga parte di servizi di streaming video: al primo posto delle preferenze per queste app troviamo Netflix dove non è tanto un caso la moltiplicazione di serie dedicate ai personaggi dei videogiochi. Dietro la grande N troviamo invece Sky Go che consente di vedere molti eventi sportivi in diretta anche sul proprio smartphone.