Dota 2 – League of Legends, la sfida tra i due colossi dell’online gaming continua: chi è il migliore?

Postato Gen 9 2020 - 2:45pm da ITG

La popolarità e l’appeal degli e-sports ha oramai raggiunto livelli di fama mai immaginati prima. Ulteriore dimostrazione di questo successo mondiale è il sempre crescente numero di persone che si collegano sul web per seguire e partecipare in prima persona alle varie competizioni internazionali dei titoli più famosi come Dota 2 e League of Legends, oltre ai tanti utenti che passano il loro tempo libero davanti al proprio personal computer in compagnia dei loro giochi preferiti.

Le discussioni tra le fan-base di questo o quel titolo diventano sempre più accese nei vari forum online e sulle piattaforme dei social network. Insomma, tutto sembra indicare che l’eterna lotta tra le comunità di entrambi i maggiori titoli del mondo degli e-sport non cesserà presto, mentre entrambi i giochi continueranno a beneficiare dei costanti aggiornamenti che le due case produttrici, Riot Games e Valve, apporteranno ai rispettivi meta-game.

Ma quale è il migliore gioco MOBA attualmente in circolazione? Partiamo dalla definizione stessa della tipologia di gioco. I MOBA (acronimo che sta per Multiplayer Online Battle Arena) rappresentano una grande fetta della popolazione dell’online gaming. La Blizzard ha giocato un ruolo fondamentale nella storia di questi giochi e nella crescita della loro popolarità, grazie alle varie versioni di StarCraft e WarCraft (in particolare con WarCraft III), ponendo così le basi per un’esperienza più interattiva. Detto questo, quali sono i migliori giochi MOBA?

I più giocati, i più discussi, i più ricchi sono i due titoli già citati sopra: League of Legends (noto anche come LoL) e Defense of the Ancients (Dota 2). Il primo è stato sviluppato dalla Riot Games per Windows e Mac nel 2009. Una delle caratteristiche più apprezzate di LoL è che ogni partita si svolge all’interno della sua stessa partita, ovvero che i vari giocatori iniziano tutti sullo stesso piano. Questo fattore permette al singolo utente di poter progredire e crescere man mano nel corso del gioco, avanzando e conquistando abilità e oggetti sempre migliori e più potenti. League of Legends gode di un background e di uno stile grafico riccamente dettagliato, con un ambiente fantasy assai originale ‘dipinto’ intorno ai diversi campioni. Dal canto suo, la Riot Games è sempre attiva nello sviluppo del gioco, in particolar modo considerando la propria lega e-sport: la League of Legends Championship Series. Si tratta di un vero e proprio campionato del mondo del settore che, soltanto nel 2014, ha distribuito un montepremi pari a più di due milioni di dollari.

Dota 2 è stato lanciato su PC, Linux e OS X nel 2013. Qui i giocatori hanno la possibilità di controllare ciascuno il proprio ‘eroe’ (o altro personaggio scelto dal giocatore) e affrontare altri utenti (di solito in due squadre da cinque componenti). Come per altri giochi simili, l’obiettivo è quello di sconfiggere gli altri giocatori, raccogliendo il bottino lungo la strada. Dota 2 è stato da sempre citato come uno dei migliori MOBA e uno dei migliori giochi online di tutti i tempi. Il motivo è molto semplice: il suo gameplay è molto avvincente e accattivante, tanto da creare una sana e divertente dipendenza. Naturalmente, anche Dota 2 ha una platea di gioco competitiva e molto vasta. Tornei e leghe di tutto il mondo competono tra loro in un ambiente ricco di dettagli e graficamente molto piacevole. Il montepremi complessivo di Dota 2 nel 2018 (contando le varie leghe e campionati) è stato di circa 26 milioni di dollari. Basti pensare che i primi classificati nell’International Dota 2 Championship (ovvero i cinque componenti della squadra degli OG) si sono portati a casa ben undici milioni di dollari (più di due milioni di dollari a testa)!

Difficile stilare una classifica di merito in questo campo; impossibile dire, a questo punto, quale tra LoL e Dota 2 sia il migliore MOBA in circolazione. La verità è che si tratta di un fenomeno sempre in crescita e che anche nel 2020 ci riserverà molte sorprese.

Commenta con Facebook