Tekken 7 – La Recensione

Postato Mag 31 2017 - 10:07am da ITG

Acquista su Amazon.it

GIOVEDI’ 1 GIUGNO VINCI TEKKEN 7 CON IL TG TECH! TUTTI I DETTAGLI QUI

Con oltre 25 milioni di unità vendute in tutto il mondo, la serie di Tekken, partorita ai tempi della primissima Playstation (se pur il l’episodio iniziale sia uscito precedentemente nelle sale giochi di tutto il mondo), è tra quelle di maggior successo tra i giochi di combattimento a duelli.

Arrivati al settimo episodio, Bandai Namco fa finalmente debuttare il titolo sulle console next generation per sfruttare tutte le features di Xbox One e Playstation 4 (la versioen da noi testata senza dimenticare che Tekken 7 è disponibile anche su PC) a cominciare dal gioco on line. Come saranno andate le cose? Per scoprirlo è sufficiente continuare a leggere la nostra recensione ovviamente

Se sul genere di gioco c’è ben poco da dire visto che Tekken rappresenta da sempre l’archetipo classico del beat’em a incontri in tre dimensioni: bisogna subito dire che Namco Bandai ha fatto le cose in modo sublime a partire proprio dal gameplay: il bilanciamento dei personaggi è perfetto, il numero di mosse e di combo si rivela elevatissimo, le tecniche di combattimento si differenziano in modo netto, proponendo così la voglia e il gusto di imparare a lottare con un personaggio nuovo oltre ad apprendere le nuove possibilità proposte come la possibilità di colpire il nostro avversario mentre rimbalza a terra oppure l’introduzione della “rabbia” quando si rimane con poca energia.

Elemento di non poca rilevanza è anche l’intelligenza artificiale della CPU che si dimostra veramente ottima: certo, il giocatore di lunga data della serie non incontrerà troppi problemi, ma indubbiamente siamo di fronte ad una IA molto più elevata rispetto alla media.

Passando alle modalità di gioco, non si poteva che cominciare dallo story mode. La trama ha un vero e proprio narratore (a cui però viene attribuita una computer grafica minimale rispetto alle cut scene spettacolari con i protagonisti del gioco), un giornalista che per ragioni personali segue l’interminabile duello fra Kazuya ed Heihachi. Ora se cercate qualcosa di verosimile e credibile siete completamente fuori direzione, ma rispetto agli ultimi capitoli forse estremamente confusionari, qui c’è un buon ritorno alle origini della storia che conoscerà anche una (provvisoria probabilmente…) conclusione. Ottima la scelta di semplificare la realizzazione di combo in questa modalità per chi fosse alle prime armi con il gioco e volesse comunque sbloccare tutta la narrazione. Da segnalare infine la presenza “crossover” di Akuma, personaggio proveniente dalla saga di Street Fighter e che raccoglie l’eredità di Street Fighter X Tekken (in attesa che prima o poi arrivi anche il parallelo Tekken X Street Fighter).

La non eccessiva longevità dello story mode principale è supportata dalle storie dei singoli personaggi sbloccabili che però purtroppo sono eccessivamente brevi. Questo forse è l’unico aspetto criticabile di Tekken 7 (insieme all’inutile modalità pensata per Playstation VR che veramente non ha nessuna ragione per essere affrontata se non per criticarla…) visto che con un piccolo sforzo in più, queste “sidequest” avrebbero garantito un interesse decisamente più elevato e garantito una maggiore profondità al titolo anche in single player.

Comunque in solitario, Tekken 7 (qui tutte le recensioni italiane) consente di giocare alla versione arcade del titolo, Fated Retribution, che altro non è che un affrontare duelli sempre più complessi con un personaggio a nostra scelta. C’è poi tutta una componente dedicata alla personalizzazione dei personaggi con le Battaglie Tesoro che saranno il modo migliore per ottenere crediti da spendere per “customizzare” i nostri alter ego preferiti.

Personaggi personalizzati che poi potremmo utilizzare anche nell’online dove avremo modo di fare partite classificate e non oppure partecipare a tornei. Abbiamo provato il gioco online ora che il titolo era disponibile soltanto per chi doveva effettuare le recensioni in anteprima ma dalla nostra esperienza non abbiamo avuto alcun problema di lag.


Tekken 7 – PS4-XB1-PC – The Mishima feud… di pesfifagamesitalia

Ultimi paramatri da giudicare cono quelli audiovisivi. Tekken 7 non raggiunge gli apici di questa generazione di console, vuoi per una risoluzione che su PS4 si ferma a 900p, vuoi per un dettaglio generale grafico che non raggiunge le produzioni al top da questo punto di vista. Detto questo però ci troviamo di fronte ad un videogame che gira a 60 frame al secondo in modo granitico, con tantissimi effetti visivi capaci di assorbirci completamente di fronte allo schermo anche grazie a scenari molto dinamici e con un character design sicuramente encomiabile all’interno del genere di riferimento.

Standing ovation infine per il comparto sonoro. Non solo la soundtrack richiama in modo evidente la musica elettronica degli anni ’90 (la preferita dal sottoscritto…) ma abbiamo anche particolarmente apprezzato la scelta “global” del doppiaggio. In pratica il titolo è tutto sottotitolato in italiano mentre ogni personaggi parlerà nella propria lingua madre. Quindi si mescoleranno giapponese, inglese e perfino l’italiano grazie all’esorcista Claudio Serafino. Una decisione originale che abbiamo apprezzato molto.

IN CONCLUSIONE
Tekken 7 è quanto di meglio si poteva chiedere al debutto della serie sulle console di ultima generazione. Nessuno stravolgimento ma un miglioramento dei punti di forza che da sempre contraddistinguono questo must per gli amanti dei picchiaduro a duelli. Tante modalità di gioco, tanti combattenti, tanto kitsch stile anni ’90 per un prodotto solidissimo sotto ogni aspetto se escludiamo la pochezza della modalità per Playstation VR e l’occasione sprecata delle sidequest dei singoli personaggi di cui abbiamo parlato sopra. Un titolo sicuramente non per tutti ma per i fan della serie si tratta di vera e propria manna dal cielo!

VOTO: 9

Acquista su Amazon.it

Commenta con Facebook