Come sopravvivere alla crisi ed essere felici!

Postato Set 7 2013 - 12:00am da ITG

Da oggi su ItaliaTopGames fa il debutto una rubrica OFF-TOPIC rispetto all’universo videogiochi curata dalla nostra collaboratrice Baby Sisma. La Rubrica ha il nome di COME SOPRAVVIVERE ALLA CRISI E VIVERE FELICI e nasce in collegamento alla Pagina Facebook Omonima. Mettete mi Piace ovviamente se volete seguire ogni aggiornamento… Ma lasciamo subito la parola a Baby Sisma…

COME SOPRAVVIVERE ALLA CRISI ED ESSERE FELICI
Riflessioni e consigli pratico-spirituali, aggregatore di informazioni su come vivere meglio con meno!

Bisogna spendere poco, risparmiare, cercare le offerte, consumare meno…perchè c’è la crisi, quante volte pensiamo a queste parole negli ultimi tempi? Proprio l’altro giorno ho sentito un papà che lo diceva ai figli fuori da una pizzeria al taglio. La crisi spaventa tutti noi comuni mortali stipendiati, lavoratori autonomi, commercianti, che vedono il loro potere d’acquisto ridursi di mese in mese negli ultimi anni. 
La crisi spaventa un po’ meno chi, in un modo o nell’altro la crisi l’ha sempre vissuta e forse quasi si consola poiché, per una volta, sono gli altri che stanno somigliando a lui, ma loro sono più preoccupati perché non si sono mai trovati a vivere una situazione del genere.
Ed ecco quindi che le situazioni esplodono, la cronaca ci racconta tutti i giorni di gente che uccide o si uccide perché non ce la fa più ed i media corrono subito a sottolineare quanto il peso della crisi economica abbia inciso in questi drammatici epiloghi di vite umane.
Ma…siamo sicuri che sia proprio così? Bravo padre stermina la propria famiglia perché aveva perso il lavoro……ma a chi lo volete raccontare? Perdere il lavoro è solo la punta di un iceberg, vogliamo ancora continuare a mettere la testa sotto terra per non vedere le nostre responsabilità negli eventi che ci accadono? 
La crisi economica, molti lo hanno capito, è un’opportunità per rivedere la prospettiva con cui si approccia la propria esistenza, ma ovviamente è cosa tutt’altro che semplice, del resto cambiare la traiettoria di un transatlantico non si fa con un sol colpo di timone in 5 minuti. Questo vale anche per la nostra vita, peccato però che i media di più ampia diffusione non ne facciano parola, la rivoluzione corre sul web soprattutto e su riviste specializzate. 
Se osserviamo ciò che dice la TV c’è solo da mettersi a piangere, non si parla mai di autoproduzione alimentare e cosmetica, ridurre i consumi, muoversi meno e in modo diverso, anzi tutto ciò viene visto con un’accezione negativa, chi lo fa un fanatico o un fricchettone. Se osserviamo il WEB c’è un popolo silenzioso che sta iniziando a vivere diversamente e ne è felice!! anche se il suo “potere d’acquisto” è diminuito!
Ma siamo sicuri che il “potere d’acquisto” sia la cosa più importante? Che vuol dire, che se diminuisce quello la nostra vita è finita? Non vivo fra le nuvole, so benissimo che uno stipendio da la possibilità di pagarsi l’affitto, le bollette, andar via da casa dei genitori, metter su famiglia o mollare il marito che picchia la moglie. 
Ma se lo stipendio non c’è o è nettamente diminuito non ci possiamo solo disperare, ma dobbiamo ripensare la nostra vita altrimenti si che siamo finiti e non vediamo soluzioni alternative! Per questi motivi questa rubrica è pratico-spirituale, perchè innanzitutto io non ho una ricetta per superare la crisi, ognuno ha la sua vita, il suo percorso e deve trovare la propria strada, i consigli pratici servono e sono un buon inizio, ma da soli non sono sufficienti, devono lavorare in sinergia con la nostra mente (o il nostro cuore, se vi piace di più ;-)) perché, vi sembrerà strano, ma la pratica sviluppa lo spirito e lo spirito sviluppa la pratica, la vita quotidiana.

Baby Sisma

Commenta con Facebook