Dark Eye Chains of Satinav: Uno Sguardo Nel Buio torna nel mondo dei Videogiochi

Postato Giu 20 2011 - 12:00am da ITG

Deep Silver e Daedalic Entertainment si imbarcano insieme per il favoloso e celebre mondo di The Dark Eye (TDE). In The Dark Eye: Chains of Satinav, dagli autori di The Whispered World, i giocatori potranno vivere una nuova avventura in stile punta e clicca ambientata ad Aventuria.

Con una storia di più di venticinque anni, The Dark Eye (conosciuto in Italia come Uno sguardo nel buio), è uno dei giochi di ruolo più famosi. Oltre alle popolari avventure da tavolo, TDE ha ispirato anche una serie di famosi videogiochi. The Dark Eye: Chains of Satinav immerge i giocatori nel mondo di Aventuria, dove vivranno una fantastica storia ed esploreranno terre mai viste prima nei precedenti videogiochi di TDE.

Le prime immagini mostrano i luoghi di Andergast, un regno isolato nel nordest di Aventuria, dove ha inizio la storia del giovane ranger Geron. Tutti gli sfondi e i personaggi di Chains of Satinav sono dipinti a mano e animati dettagliatamente in alta definizione.

Ad Andergast, dove gli abitanti sono notoriamente superstiziosi, re Efferdan attende una visita di stato da parte di dignitari d’alto rango. Per secoli, il regno è stato ai ferri corti con la vicina Nostria, ma ora si stanno muovendo i primi passi per una pace duratura. Tuttavia un’invasione di corvi preoccupa il re, dato che i volatili, insolitamente aggressivi, arrivano ad attaccare le persone. In più, ci sono alcuni cittadini di Andergast che giurano i corvi portano con loro indicibili incubi. Mentre le feroci creature si infiltrano persino nel castello, il re cerca un valido cacciatore, un’opportunità per il giovane Geron di dimostrare il proprio valore nonostante la sfortuna che l’ha accompagnato fin da piccolo. Dopo un’udienza col re, il prestigioso incarico gli viene affidato. Incarico che non solo si rivela più arduo di quel che sembrasse, ma che diventa presto il primo passo della più grande avventura della sua vita, che lo porterà ai confini conosciuti di Aventuria e oltre.

Commenta con Facebook