F1 Virtual Gp, in Spagna la spunta George Russell davanti a Leclerc

Postato Mag 18 2020 - 12:11pm da ITG

Se in questo momento il circus della Formula Uno è ovviamente fermo per via della pandemia mondiale legata al Coronavirus, un’altra interessante gara si sta per profilare all’orizzonte. Stiamo parlando del F1 Virtual GP di Spagna, con la Formula Uno che ha cambiato scenario: dopo il Brasile, si è corso in Spagna, sul tracciato di Barcellona, per un’altra emozionante sfida con le Virtual Series.

Sfiora ancora il successo Charles Leclerc

Ebbene, a vincere questa gara virtuale è stato il pilota della Williams George Russell, che ha tagliato il traguardo davanti a tutti, precedendo la stella monegasca della Ferrari, Charles Leclerc, solo per una manciata di secondi legati ad una penalità inflitta al compagno di Vettel, in un Gp di Spagna davvero da fuochi d’artificio, combattuto fino alla fine. Sul gradino più basso del podio troviamo Esteban Gutierrez, mentre Alex Albon e Nicholas Latifi si devono accontentare, rispettivamente, di quarta e quinta posizione.

Buon sesto posto per Antonio Giovinazzi, mentre al nono posto troviamo un altro italiano, Antonio Fuoco, mentre altri due portabandiera italiani, ovvero Vitantonio Liuzzi e Andrea Pirillo, si sono classificati rispettivamente al sedicesimo e al diciassettesimo posto. Un altro DNF, invece, per Lando Norris, che si è ritirato per colpa di un più che tradizionale range quit.

Le Virtual Series sono un appuntamento molto divertente e interessante anche per tutti gli appassionati di scommesse online, che ormai si sono abituati, in questo periodo di quarantena in cui si sono fermati anche tutti gli sport legati al mondo dei motori, a puntare anche su eventi simulati direttamente da ciascuna piattaforma di betting online. Una modalità di gioco, quella delle scommesse virtuali, che sta prendendo sempre più piede e che ormai rappresenta un’alternativa rispetto alle scommesse su eventi sportivi reali.

Le differenze tra gare reali e gare virtuali

Il fenomeno degli eSports continua a crescere in maniera impressionante e, di pari passo, anche le sfide virtuali sono sempre più apprezzate da parte degli appassionati. Un interessante articolo pubblicato su L’insider spiega, grazie al punto di vista di Davide Valsecchi, ex pilota, quali siano le principali differenze che intercorrono tra Formula 1 reale e quella virtuale.

Chiaramente cambia l’approccio da parte dei piloti verso lo stile di guida: online è possibile prendersi una serie di rischi che nella realtà, evidentemente, porterebbe molto facilmente ad un incidente. Di conseguenza, è abbastanza facile intuire come la mancanza dell’elemento di rischio fa una grande differenza. È interessante, al tempo stesso, capire come la tecnologia e, quindi, il mondo virtuale, possa rapportarsi con una scuderia ufficiale di Formula Uno e non è un caso, infatti, che diverse squadre stiano già cercando proprio nel mondo degli Esport dei tester. Non è una novità, di conseguenza, che i più bravi piloti di F1 virtuale collaborano già da tempo con varie scuderie nella F1 reale, ma il loro compito rimane esclusivamente legato ai simulatori. Giusto per fare qualche esempio, David Tonizza è stato selezionato da parte della Ferrari per gli Esport Games, oppure c’è un altro inglese, Brandon Lee, che collabora con la Mercedes e ha vinto per due volte consecutive il titolo mondiale degli Esport Games di F1.

Commenta con Facebook