iPhone e iPad da Polso? In Arrivo uno Smart iWatch?

Postato Feb 12 2013 - 12:00am da ITG
Un I-phone/pad sempre a portata di mano? NO, è meglio dire sempre a portata di polso. New York Times e Wall Street Journal sostengono che la Apple sia giunta alla conclusione di un nuovo dispositivo: metà orologio, metà smartphone, un “I-WATCH”. Rumors sul Mela-Orologio si sono inseguiti già da anni diversi utenti e designer in che hanno provato a ipotizzarne l’estetica, ma mai nulla di concreto. Ora, le voci raccolte dai due giornali americani spiegano che il progetto si trovi in una situazione molto avanzata.

Addirittura sarebbe già esistente un dispositivo, prodotto però a tiratura estremamente limitata come test di laboratorio. Vengono addirittura riportate alcune probabili caratteristiche: il sistema operativo iOs e la probabile presenza di un materiale molto particolare, un vetro sottile e resistente, ma anche estremamente flessibile. Chiaramente non potrebbe raggiungere le potenzialità o la versatilità di iPad o iPhone, ma rappresenterebbe un’espansione fisica dei due dispositivi best seller, con tutti i vantaggi immaginabili dall’unione: oltre a tutte le funzionalità elementari consentirebbe, pagamenti veloci, navigazione, tutto racchiuso nel polso.
Abbiamo nominato il vetro flessibile: conferire all’orologio della Mela una straordinaria unicità è l’idea base di Apple. A tal proposito Corning (produttore di “gorilla-glass”), sarebbe a buon punto nella realizzazione del cosiddetto Willow Glass, uno strato protettivo per lcd e oled capace di arrotolarsi attorno a un oggetto cilindrico senza subire incrinature o danni da torsione.
Il CTO di Corning, Pete Boko, ammette tuttavia che una cosa è arrotolarlo su un cilindro e una cosa è farlo attorno un polso umano, che si muove in maniera a tratti imprevedibile: creare un dispositivo pieghevole e indossabile sarebbe una bella sfida. Vedremo quindi se ci troviamo di fronte ad altri “rumors-speculazioni” o se l’ I-Watch sarà effettivamente un nuovo membro della famiglia Apple.

Gabriele Eltrudis
Commenta con Facebook