A Milano la tappa italiana del Campus Party tra videogames e…

Postato Giu 20 2018 - 8:40am da ITG

Cinque giorni (e quattro notti) non stop, migliaia di tende, 7 palchi, 20 mila visitatori attesi, 350 speaker provenienti da tutto il mondo, 450 ore di contenuti, centinaia di partner, tra aziende, istituzioni, community e università.

Dal 18 luglio al 22 luglio Milano diventa la città a più alta concentrazione di giovani digitali. Arriva, infatti, in Italia – a Fiera Milano Rho – la seconda edizione di Campus Party, la tappa italiana del più grande festival internazionale sul mondo dell’innovazione e della creatività.

Campus Party è una manifestazione davvero fuori dagli schemi. Caratterizzata dalla possibilità per i partecipanti di vivere la manifestazione 24/24h, grazie a delle tende fornite dall’organizzazione dell’evento, che trasformano l’evento in un vero e proprio happening. Si tratta di un appuntamento partecipativo, perché i campusero – ovvero i visitatori “residenti” – possono dialogare attivamente con aziende, istituzioni, community e università, sia attraverso i social, sia faccia a faccia.

“Campus Party è innovazione e creatività allo stato puro – spiega Carlo Cozza, Presidente di Campus Party Global – perché attraverso la condivisione di passioni e interessi è l’occasione per far nascere quelle idee che cambieranno il futuro del mondo. Campus Party Italia vuole diventare l’appuntamento di riferimento dell’innovazione nel nostro Paese”.

Sono oltre 350 gli speaker che saliranno sui palchi di Campus Party. Tra i keynote speaker sono presenti Guido Tonelli, fisico portavoce dell’esperimento CMS al CERN che ha portato alla scoperta del Bosone di Higgs e Jon “Maddog” Hall, Executive Director of Linux Foundation e Edward Frenkel, professore di matematica all’Università di Berkeley in California e autore del best seller “Love and Math”.

Particolare attenzione è data al mondo dell’entertainment e dei videogiochi anche grazie alla presenza di George Hotz, informatico e hacker statunitense, il primo ad aver eseguito un jailbreak dell’iPhone 3S e un hacking della PlayStation 3. O di Jon Hare, Veteran Game Designer e inventore del Sensible Soccer, il primo di una lunga serie di videogiochi dedicati al calcio e sviluppato nel lontano 1992.

Non mancheranno anche voci di spicco del panorama italiano come Tommaso Sanguigni, Animation Technical Director e Marco Renso, Animation Director di Ubisoft Milano, che parleranno di come hanno animato i personaggi del celebre Mario + Rabbids Kingdom Battle per Nintendo Switch, titolo made in Italy che ha ricevuto il plauso di Miyamoto in persona e Thalita Malagò, Direttore Generale di AESVI – l’Associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia.

Sul fronte internazionale, saliranno sui palchi: Steve Wright, veterano dei VFX che ha coniato il termine “Easter Egg”, i famosi contenuti nascosti all’interno dei videogiochi o film; Jesper Kyd, John Broomhall e James Hannigan, compositori di celeberrime e premiatissime colonne sonore videoludiche – tra cui le sonorità di Assassin’s Creed, Forza Motorsport 5, Battlefield 4 – che faranno rivivere le emozioni dei videogame storici attraverso la musica.

Campus Party si sviluppa in 5 aree tematiche: scienza, imprenditoria, coding,

intrattenimento e creatività. È qui che si incrociano i destini e i talenti di chi già opera o sogna di lavorare nei campi della robotica o dell’ingegneria spaziale, del digital entertainment e della programmazione, della blockchain e del gaming, della computer graphic e della realtà virtuale e aumentata, del biohacking e della fusione uomo/tecnologia ma anche della musica elettronica, dello storytelling, dell’animazione 3D, dell’open source e di altri codici che verranno inventati. L’evento diventa quindi anche un grande contenitore di opportunità, che offre la possibilità ai presenti di mettersi in mostra davanti alle migliori aziende italiane e internazionali.

I main partner di Campus Party sono AXA, primo brand assicurativo al mondo, Nexi, la paytech delle banche, leader in Italia nei pagamenti digitali, e IGPDecaux, numero uno nella comunicazione esterna in Italia per capacità di valorizzare spazi e servizi pubblici, rendendo le città sempre più smart.

Importante novità di questa edizione è la Job Factory, area in cui i partecipanti e le aziende possono conoscersi e svolgere diverse attività insieme. Un’occasione davvero unica per avere la possibilità di presentarsi a manager e dirigenti aziendali, mostrare il proprio talento, scambiare opinioni con loro e trovare lavoro.

Il Festival si sviluppa in tre spazi distinti:

  • Arena: il cuore dell’evento, con 7 palchi che ospitano talk, panel, interviste, 4 aree workshop e 1 BarCamp, con relatori di spicco nel panorama nazionale e internazionale. Luogo di lavoro e di sfide con numerosi CPHack – esclusivo format per le hackathon di Campus Party – realizzati in collaborazione con tree, Open Innovation Partner dell’evento. L’Arena è anche il luogo di divertimento senza fine, con Meet&Greet, attività speciali, dj set e attività autogestite dai partecipanti.
  • Experience: dove toccare con mano il futuro e le tecnologie innovative – robot, VR, AR, simulatori, tornei e aree dedicate al gaming e all’eSport. Maker, aziende, istituzioni e università, inoltre, condividono soluzioni e progetti all’avanguardia.
  • Village: un vero e proprio campeggio allestito all’interno della fiera, dove riposare in tende fornite dall’organizzazione per tutta la durata della manifestazione e trovare altre infrastrutture dedicate al relax che rendono Campus Party il più grande geek camping al mondo.

Tutti gli speaker confermati sono visibili alla pagina: italia.campus-party.org/speaker

Come partecipare
Per partecipare alla seconda edizione di Campus Party Italia (#CPIT2) è possibile prendere il biglietto online all’indirizzo: italia.campus-party.org/biglietti

Commenta con Facebook