Aquanox Deep Descent Recensione

Postato Ott 18 2020 - 7:20pm da ITG
Aquanox Deep Descent Recensione

Attualmente disponibile solo su PC, (Steam per l’esattezza) ma in arrivo anche su Playstation 4 ed Xbox One, Aquanox Deep Descent è il reboot di una serie nata nell’oramai lontanissimo 1996 con Archimedean Dynasty. I programmatori serbi di Digital Arrow, dopo un lungo sviluppo ed anche grazie alla collaborazione di THQ Nordic hanno finalmente rilasciato il gioco. Come sono andate le cose? Continuate a leggere per scoprirlo!

ADD è sostanzialmente uno shooter ambientato in un futuro apocalittico dove l’uomo a causa di un mega conflitto nucleare, non può più vivere sulla superficie nostro pianeta ed i pochi sopravvissuti si sono rifugiati negli abissi. Ma anche in questa situazione, ci si continua a fare la guerra. Il tutto è raccontato con una trama e dei dialoghi che diciamo non sono proprio memorabili. Vi mostriamo di seguito il primo livello di gioco quasi al completo e poi continuiamo a parlare.

Ci troveremo così in un piccolo gruppo di 4 soldati rimasti in ibernazione per molti anni e risvegliati per evitare che una nuova minaccia ponga fine a quel poco di società umana rimasta sotto il livello del mare. Quattro sono anche i giocatori che potranno affrontare la campagna di Aquanox Deep Descent in cooperativa online. Il multiplayer prevede anche una componente competitiva con deathmatch singoli o a squadre.

ADD nella sua struttura può considerarsi una sorta di open world visto che fin dall’inizio saremo liberi di esplorare il mondo di gioco. Il fatto è che però se escludiamo le missioni di gioco principali ed una manciata di sub quest, per il resto c’è troppo poco da fare tanto che sarebbe stato preferibile una tipica story mode che avrebbe evitato i troppi momenti morti nel level design.

Passando invece al gameplay, ADD si lascia apprezzare per dei combattimenti diversi dal solito visto che titoli ambientati negli oceani sono davvero rari. Non aspettatevi un titolo particolarmente simulativo e realistico, ma il suo approccio ci ha regalato momenti positivi soprattutto in multiplayer online visto che invece l’intelligenza artificiale risulta essere troppo poco smart rispetto ai parametri attuali.

La realizzazione tecnica è uno degli aspetti meglio riusciti di Aquanox Deep Descent: le ambientazioni sono credibili e riescono a regalarci un’atmosfera sci-fi che indubbiamente è uno dei principali punti a suo favore. Anche il comparto sonoro è discreto ed i dialoghi che come detto non sono particolarmente ispirati, sono però ben recitati. La localizzazione in italiano è avvenuta soltanto con i sottotitoli.

IN CONCLUSIONE
Aquanox Deep Descent è un titolo indirizzato ai vecchi fan della saga e chi ha una certa predisposizioni alle atmosfere di film e videogiochi ambientati nei profondi degli abissi. Lo shooter infatti, pur risultando piacevole nei combattimenti sottomarini, non riesce ad emergere particolarmente soprattutto per quanto riguarda il level design piuttosto altalenante ed una intelligenza artificiale non troppo smart. L’atmosfera sci-fi dell’ambientazione è sicuramente il punto a suo favore di maggior rilievo e che riesce nell’insieme anche a far dimenticare spesso una trama e dei dialoghi non propriamente allo stato dell’arte. Interessante anche la possibilità di poter giocare tutta la campagna in cooperativa per un massimo di 4 giocatori.

VOTO: 6.5