Chocobo GP Recensione della nuova esclusiva per Nintendo Switch firmata da Square Enix. Forse non tutti sanno che il titolo già disponibile per la console ibrida della grande N in realtà è una sorta di sequel di Chocobo Racing uscito addirittura il millennio scorso, nel 1999, sulla primissima Playstation. Dopo questo piccolo aneddoto storico veniamo però al contenuto del gioco in questione!

La prima informazione da darvi è che del gioco esiste una versione lite gratuita scaricabile liberamente dal Nintendo Shop e poi una versione completa sia in formato digitale o in versione retail che invece costa 49.99 euro ovviamente con molte opzioni in più a propria disposizione.

Come avrete appena visto dal trailer appena qui sopra, Chocobo GP è, sostanzialmente, l’equivalente di Mario Kart nell’universo immaginifico di Final Fantasy. Un racing arcade che non si prende troppo sul serio ma che riesce a divertire per tante ragioni se pur abbia pure qualche limite che lo relega al di sotto dell’eccellenza proposta dal baffuto idraulico italiano su quattro o due ruote.

Tante sono le dinamiche ripresa da MK: dalle derapate (anche caricate), ai circuiti all’incontrario passando per la distribuzione delle armi e le acrobazie. Non stiamo parlando di plagio, sia chiaro, ma di una natura smaccatamente derivativa del capolavoro firmato Nintendo.

Se dunque siete fra i 40 milioni di giocatori di Mario Kart su Nintendo Switch, vi troverete decisamente a vostro agio con CGP che comunque ha pure qualcosa di “esclusivo” da proporvi. Al di là dei personaggi, alcuni inediti, altri già noti nell’universo di Final Fantasy, una interessante variazione sul tema è che i vari incantesimi difensivi e offensivi che si troveranno in pista durante le competizioni possono essere potenziati di ben tre livelli di efficacia. Questo aumenta ovviamente la componente strategica dell’esperienza di gioco e potete capire come sia eccitante caricare un incantesimo a palla e scagliarlo contro un avversario al momento giusto.

Chocobo GP ha pure qualcosa in più rispetto a Mario Kart: una modalità storia tanto agognata dai fan di MK. Lo story mode di CGP non fa gridare al miracolo anche per la sua limitata longevità (difficilmente ci impiegherete più di due ore a completarlo) ma è comunque lodevole lo sforzo di aver proposto qualcosa che il masterpiece citato in continuazione in questa recensione, non presenta.

Oltre alla modalità storia ovviamente ci sono altre possibilità di gioco, quelle più consuete come le gare singole, i time trial (con i punteggi confrontabili anche online) o i mini tornei con 4 circuiti da fare. Sul fronte del multiplayer ci sono gioie e dolori. Tra le prime va detto che online c’è una modalità stile battle royale per un massimo di 64 giocatori che ci è davvero piaciuta. Sul fronte dell’offline invece, con una sola Switch sarà possibile giocare solo in due (contro i quattro di Mario Kart) mentre in system link si sale fino ad otto giocatori in contemporanea.

L’elemento che però ci ha convinto meno di tutti è la presenza di soli nove circuiti base con tutte le possibili varianti di lunghezza. Per quanto ben composti e realizzati, per la versione “full” del gioco ci saremmo aspettati quanto meno un numero doppio di tracciati.. 

Per quanto riguarda infine la realizzazione tecnica, i programmatori di Square Enix vanno lodati per aver dato priorità all’aspetto più importante di un videogame ovvero il frame rate, inchiodato sempre davvero ai sessanta fotogrammi al secondo. Certo, il numero di poligoni su schermo non è elevatissimo così come la qualità delle texture non è al top su Nintendo Switch ma come detto abbiamo apprezzato la scala di priorità che si sono dati. Il sonoro svolge bene il suo ruolo di accompagnamento all’azione su schermo ad eccezione della traccia cantata nel menù iniziale di gioco un po’ snervante (eufemismo…).

Chocobo GP Recensione – IN CONCLUSIONE
Chocobo GP, al netto delle criticità esposte nei precedenti paragrafi, ha un solo grande limite “esterno”: è disponibile in esclusiva su Nintendo Switch dove è già disponibile un racing arcade inarrivabile come Mario Kart da cui la stessa produzione Square Enix prende ispirazione. Se avete giocato allo sfinimento le corse del baffuto idraulico (occhio che però stanno anche per arrivare le nuove piste sotto forma di DLC) e volete provare una piacevolissima variazione sul tema nell’universo immaginifico di Final Fantasy, allora prendete in assoluta considerazione Chocobo GP che è pure disponibile in versione lite gratuita su Nintendo Shop.

Chocobo GP Recensione – VOTO: 7.5