Monster Jam Steel Titans 2 è il secondo capitolo della serie rinata grazie a THQ Nordic dopo alcuni anni di assenza dalle scene videoludiche. Disponibile per console Playstation, Xbox, PC (la versione da noi testata), Google Stadia e Nintendo Switch, il titolo ci riporta nel mondo di queste gigantesche e megalomani vetture pronte anche ad effettuare incredibili acrobazie e correre praticamente su ogni superficie.

Il sequel sostanzialmente riprende il suo predecessore ed ovviamente lo aggiorna con tanti nuovi contenuti come nuovi bestioni da guidare (ben trentotto) e relativi nuovi scenari. Da non dimenticare neppure il multiplayer sia davanti alla stessa TV tramite il classico split screen oppure online dove potrà vedere impegnati fino a sei giocatori in contemporanea.

Dopo il rapido tutoriale, MJST2 ci propone varie modalità di gioco possibili. La più corposa è indubbiamente la carriera che introduce elementi in “stile” gioco di ruolo con la possibilità di livellare sotto vari parametri il nostro mezzo. Da questo punto di vista non si può che lodare l’opera svolta anche se bisogna dire che anche la carriera deve essere affrontata in rapide sessioni per non cadere in una eccessiva reiterazione delle modalità proposte nel proseguo.

La tipologia di competizioni disponibili sostanzialmente può dividersi in tre categorie: le gare su pista dove l’intelligenza artificiale vi darà parecchio filo da torcere, i freestyle e le competizioni di distruzione. Lodevole l’idea di muoverci all’interno di cinque ambienti open world dove potremo selezionare a nostro piacimento come continuare la nostra sessione oltre che trovare vari elementi sbloccabili.

Per quanto riguarda infine la realizzazione tecnica, Monster Jam Steel Titans 2 sul nostro PC di fascia media gira fluidissimo senza alcun rallentamento. I bestioni sono fatti davvero con cura. Lo stesso non si può dire per le ambientazioni che sembrano provenire da una generazione di console fa.

Il problema principale però della grafica è però la mancanza di danni, un controsenso per la tipologia dei mezzi. Dalla sua non ha neppure una fisica realistica per quanto riguarda le collisioni ma è palese che MJST2 non voglia essere una simulazione, tutt’altro. manca soltanto un accenno al comparto sonoro che svolge in modo funzionale il lavoro di accompagnamento alle competizioni su schermo.

Monster Jam Steel Titans 2 Recensione – IN CONCLUSIONE

La nuova produzione di THQ Nordic si mantiene lontanissima da qualsiasi velleità simulativa per proporci un arcade fracassone in cui a farla da protagonisti sono ovviamente i bestioni a 4 ruote tanto amati negli USA. Il videogame, ben lungi dall’essere un capolavoro, risulta comunque gradevole soprattutto per rapide sessioni di gioco sia contro l’intelligenza artificiale che sfidando altri giocatori online. Se amavate vedere le trasmissioni su Italia 1 dedicate a questi mostri meccanici fateci un pensierino.

VOTO: 6.5