Nintendo contro la Pirateria: Nuova Sentenza a favore della grande N

Postato Feb 13 2014 - 12:52pm da ITG

Nintendo accoglie con favore la sentenza emessa oggi dall’Alta Corte di Monaco secondo la quale i dispositivi di elusione come i duplicatori di giochi, progettati per consentire la riproduzione di giochi piratati, sono illegali. La Corte ha chiesto a SR Tronic, venditore di dispositivi di elusione con sede in Germania, di pagare €1.000.000 di danni.

Sulla base della sentenza, Nintendo ha confermato che continuerà a perseguire i produttori, i venditori e gli importatori di dispositivi di elusione. In linea con una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, Nintendo v PC Box, la decisione dell’Alta Corte ha confermato che lo scopo primario dei dispositivi di elusione è quello di facilitare la riproduzione di videogiochi pirata.

Nintendo avvia queste azioni non solo a nome proprio, ma anche nell’interesse delle oltre 1.400 aziende di sviluppo di videogame che dipendono dalle vendite legittime di giochi.

Note
1. I dispositivi di elusione sono prodotti, tra cui i duplicatori di gioco, che ignorano i sistemi di sicurezza di Nintendo e permettono al consumatore di riprodurre file di gioco non autorizzati (chiamati “ROM”) e precedentemente scaricati da Internet o copiati dal disco originale o dalla cartuccia.

2. La recente sentenza pronunciata dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea sui dispositivi di elusione si riferisce alla causa C-355/12, Nintendo v Box PC del 23 gennaio 2014.

3. L’Alta Corte di Monaco ha parzialmente concesso il diritto di ricorrere in appello. Questo non è insolito in questioni giuridiche complesse e Nintendo è fiduciosa che qualsiasi sentenza impugnata sosterrà le sentenze consistenti dei tribunali tedeschi e dell’Unione Europea.

Commenta con Facebook