Nell’industria dei videogiochi sempre più inflazionata di annunci su annunci (siamo oramai arrivati al teaser del teaser tanto per intenderci…), vedere uscire un videogame a botta secca è già qualcosa di apprezzabile ed Ode è arrivato su Uplay al momento soltanto su PC proprio così.

Il costo del videogame è piuttosto basso, 4.99 euro, e risulta dunque difficile dargli un giudizio. Anche perché la produzione di Ubisoft Reflections è sperimentale da un certo punto di vista, riuscitissima in alcuni aspetti, molto meno in altri. Ma facciamo un passo indietro e cominciamo dall’inizio….

Ode è a tutti gli effetti un platform game dalle dinamiche semplici ed immediate tanto da non aver tutorial o altro. Si comincia subito a giocare nei quattro mondi sensoriali, definiti anche giardini musicali. Nei panni di Joy, il nostro simpatico alter ego andremo alla ricerca di stelle cadenti. Più stelle riusciremo a raccogliere e maggiore sarà l’intensità visiva e sonora dell’esperienza che potrà vivere.

I giardini sono ricchi di piante musicali che emettono specifiche note per aiutare i giocatori a creare un sottofondo musicale in ciascun livello. Alcune sfide intuitive sbloccano più livelli per dare vita a una composizione unica basata sullo stile di gioco di ogni utente.

Quando avevamo letto la descrizione di Ode, subito eravamo stati attratti dalla proposta interattiva. Un vero e proprio anti stress ricco di colori e musica in cui immergersi per evadere dalla routine quotidiana. Il fatto che però Ode riesce soltanto in parte nell’obiettivo. Sicuramente l’appeal visivo è veramente un gran bel vedere ed esprime veramente l’obiettivo prefissato dai programmatori.

Non riusciamo dunque a capire da una parte alcuni tratti ostici presenti che invece di far passare lo stress lo fanno aumentare. Dall’altra la componente musicale dinamica risulta essere francamente non troppo in sintonia con il sottofondo iniziale, non creando sempre una musicalità armonica e ritmica che ci aspettavamo, sfociando a volte in una certa confusione.

IN CONCLUSIONE
Non vogliamo assolutamente stroncare Ode ma visti gli interessanti obiettivi di prodotto anti-stress, ci aspettavamo una maggiore coerenza concettuale da questo punto di vista che per talune ragioni a volte non viene rispettata nel corso dell’esperienza proposta. Detto questo però, Ode a 4.99 euro, è un prodotto convincente, molto bello da vedere (e spesso anche da sentire) adattissimo a chi cerca esperienze sensoriali lontane dai tipici prodotti fracassoni.

VOTO: 7.5