Recensione Sniper Ghost Warrior Contracts

Postato Dic 7 2019 - 11:07am da ITG
Recensione Sniper Ghost Warrior Contracts

Recensione Sniper Ghost Warrior Contracts, il titolo già disponibile per Playstation 4 (la versione da noi testata), Xbox One e PC. Questo nuovo capitolo della serie del publisher polacco CI Games prosegue la tradizione nel vederci nei panni di un cecchino pronto a tutto pur di completare la sua missione. In Contracts però il team di sviluppo ha voluto parzialmente cambiare qualcosa nelle dinamiche proposte. Come saranno andate le cose? Continuate a leggere questa recensione per scoprirlo!

Il videogame ci mette nei panni del misterioso sniper mercenario dal nome in codice Seeker. Dovremo recarci in Russia per completare la missione di una sedicente organizzazione segreta pronta a riempirci di soldi se riusciremo a fermare Nergui Kurchatov, sindaco di Mosca, che ha intenti indipendentisti che non sembrano però piacere a tutti…

In Sniper Ghost Warrior Contracts dovremo dunque portare a termine tutti i “contratti” che l’organizzazione ci chiederà di portare a termine. Libero sarà il modo di portare a termine la missione così come potremo decidere di eliminare soltanto l’obiettivo principale o complicarci la vita ma prenderci anche le ricompense degli obiettivi secondari.

Contracts, pur mantenendo il fulcro sulle opzioni di cecchinaggio con un sistema di mira che richiede molta precisione e la considerazione di ogni fattore ambientale, più degli altri capitoli vuole proporre anche variazioni sul tema come alcune dinamiche ludiche stile stealth visto che il nostro alter ego digitale può contare su una tuta camouflage di ultimissima generazione e non manca anche qualche sezione di interrogatori e scontri a fuoco ravvicinati.

Pur apprezzando la volontà di cambiare un po’ le carte in tavole, queste sezioni non riescono comunque ad eccellere particolarmente rispetto ai tanti titoli che propongono sequenze simili mentre il livello si alza per quanto riguarda la progressione delle caratteristiche del personaggio, del suo arsenale ed inventario.

Passiamo ad analizzare infine la componente tecnica di SGWC. Se è da apprezzare l’ampiezza delle mappe per le missioni, al contempo questo ha portato il team a non renderle particolarmente ricche di dettagli e curate. Niente che in alcun modo vada ad inficiare l’esperienza di gioco, sia chiaro anche se da questo punto di vista vanno segnalati alcuni bug, sporadici per fortuna, di cui comunque avremmo fatto a meno. Il sonoro non è memorabile ma svolge bene la sua funzione di accompagnamento.

Recensione Sniper Ghost Warrior Contracts – IN CONCLUSIONE

Proposto subito sul mercato ad un prezzo low cost come potete vedere a fine post, Sniper Ghost Warrior Contracts, nonostante qualche limite prima esposto, rimane un titolo da prendere in assoluta considerazione se siete da sempre fan della serie o se l’idea di tramutarvi in un infallibile sniper vi solletica il vostro appetito videoludico. Avete garantite almeno 20 ore di gioco che potranno anche aumentare ulteriormente se entrerete particolarmente nella parte…

Recensione Sniper Ghost Warrior Contracts – VOTO 7.5

Commenta con Facebook