Secret of Mana – La Recensione

Postato Feb 28 2018 - 5:17pm da ITG

A distanza di 25 anni dalla sua uscita originale in Giappone su quella mitica console che risponde al nome di Super Nintendo, una delle perle di Square Soft (oggi Square Enix) torna su Playstation 4 (la versione da noi testata), PC e Playstation Vita.

Secret of Mana nel 1993 ottenne un incredibile successo nella terra del sol levante e tendenzialmente fece da apri pista al genere dei J-RPG anche in occidente. Sicuramente una delle caratteristiche chiave del titolo fu l’introduzione dei combattimenti in stile action invece di quelli a turni visti fino a quel momento in altri prodotti simili a cominciare da un “certo” Final Fantasy.

Secret of Mana (qui tutte le recensioni italiane) è tornato dunque dopo un quarto di secolo per essere apprezzato sia da chi ha giocato l’originale, sia dai fan di questo genere videoludico che per ragioni anagrafiche non avevano potuto viverlo al momento della release. Un’operazione riuscita dunque? Continuate a leggere la recensione per scoprirlo!

Siamo di fronte dunque ad remake integrale del titolo che ripropone l’esperienza completa che non richiederà meno di 20-25 ore per essere completata: una storia classica e piena di magia tipicamente nipponica da vivere in single player o in multiplayer (solo offline però…) per un massimo di quattro giocatori.

Ovviamente è stata rivista la grafica qui in tre dimensioni ed anche dei doppiaggi inediti (a scelta del giocatore in giapponese o in inglese ma purtroppo niente sottotitoli in italiano), conservando comunque il fascino e la personalità dei loro aspetti originali.

Sono presenti nuove scene narrative che ovviamente rimangono fedeli al plot di 25 anni fa e contribuiscono alla presentazione della storia, fornendo decisamente più informazioni sul magico mondo di Mana. I giocatori possono poi passare in qualsiasi momento dalla colonna sonora originale alle nuove musiche riarrangiate in modo sopraffino, e che includono anche un versione orchestrale dell’amatissima “Fear of the Heavens”.

IN CONCLUSIONE
Il remake di Secret of Mana è un titolo indirizzato ad un pubblico ben specifico. Quello degli appassionati di J-RPG vecchi e nuovi. I giocatori più attempati avranno modo di rivivere uno dei primi titoli di grande successo di questo sottogenere qui in occidente mentre i più giovani potranno mettere finalmente le loro mani su un titolo ancora oggi ricco di fascino soprattutto con una nuova veste grafica non sconvolgente ma sicuramente piacevole. Peccato però non avere introdotto una modalità cooperativa online ed occhio alla totale mancanza di localizzazione in italiano.

VOTO: 7.5

[amazon_link asins=’B0781VSRZ3′ template=’ProductCarousel’ store=’ital05-21′ marketplace=’IT’ link_id=’8b6044ea-1c9f-11e8-83b5-3ff7ad7780d6′]