Semispheres – La Recensione per Nintendo Switch

Postato Set 28 2017 - 3:45pm da ITG

Dopo la prima uscita su Playstation 4 e PC all’inizio dell’anno, da qualche settimana è disponibile anche in digital delivery per Nintendo Switch Semispheres, un puzzle game indie della software houes Vivid Helix molto particolare ed originale che andiamo subito a scoprire più da vicino nei prossimi paragrafi.

Semispheres può essere facilmente riconducibile nell’ambito dei puzzle game ma con alcuni aspetti piuttosto originali. Dovremo infatti coordinare i movimenti indipendenti di due distinte pedine di colori diversi. Detta così non sembra niente di eccezionale ma dovrete per forza di cosa sforzare il cervello a seguire due cursori diversi e coordinare mano destra e mano sinistra in maniera non consueta, con enigmi distinti da risolvere a volte in autonomia, altre volte con la sinergia delle due “palline”.

Inoltre il gioco da semplice puzzle game si tramuterà rapidamente in un ibrido tra dinamiche puzzle e stealth con alcuni “guardiani” che dovremo distrarre per riuscire a far arrivare le nostre pedine fino all’uscita del livello.

Il titolo si lascia giocare con piacere e la possibilità di trasformare Nintendo Switch in console portatile come secondo device mentre si guarda la TV o altro lo rende un ottimo passatempo integrativo. Indubbiamente rimane un titolo non per tutti visto che chi è abituato a dinamiche action, ha sicuramente sbagliato recensione visto che Semispheres non fa assolutamente al caso suo.

Anche chi cerca una gran grafica e costruzioni poligonali da urlo non troverà soddisfazione in Semispheres visto che il titolo presenta soltanto due dimensioni con grafica altamente stilizzata e priva di qualsiasi appeal tecnico anche se le scelte estetiche lo rendono molto gradevole e rilassante alla vista.

Anche le musiche sono lontane dal main stream con un accompagnamento sonoro dato esclusivamente da un sintetizzatore che rimanda alla musica elettronica più indie ed intimista lontanissima da melodie commerciali ma anche da qualsiasi contaminazione rock o strumentale di alcun genere.

IN CONCLUSIONE
Mentre in tanti emigrano verso le piattaforme mobile, stranamente Semispheres, titolo che sembra nato per un cellulare o un tablet con touch screen rimane sulle console “tradizionali” visto che dopo PC e PS4, e dopo questa versione Switch, arriverà anche su Xbox One e Playstation Vita. Questo videogioco non ha alcuna velleità di stupire con azione e grafica ma propone un’esperienza puzzle – stealth particolarmente originale anche per le due pedine da manovrare in autonomia ma in modo coordinato. Un titolo interessante, molto adatto da fruire in modalità portatile su Switch ma ovviamente destinato ad una nicchia specifica di pubblico.

VOTO: 7

Commenta con Facebook