PES 2013: Konami rivela il numero di cheaters bannati e come segnalarli

Postato Gen 22 2013 - 12:00am da ITG

Tra i giocatori di Pro Evolution Soccer 2013, sta aumentando l’odio nei confronti dei cheaters, gli imbroglioni che nelle partite on line hanno manipolato il gioco per assicurarsi di restare in testa alle Classifiche Online a discapito dell’esperienza degli altri giocatori. Ad oggi, 274 giocatori sono stati bannati dalle attività online di PES 2013 e grazie al feedback costante ed il numero verrà aggiornato su base quotidiana. Il processo per la segnalazione del giocatori sospetti di aver imbrogliato è stato ora migliorato e reso più veloce, in modo da assicurare che chi offende ripetutamente verrà bannato per un periodo da definire, o che gli sarà negato l’accesso al servizio definitivamente. Il modulo può essere trovato qua: https://it.secure.konami-europe.com/support.do.

Il publisher aggiunge: “State certi che questa è una materia presa molto seriamente qua in Konami. Vi siamo grati per la pazienza dimostrata mentre il Sistema è stato messo a punto. Sappiamo della frustrazione provata mentre abbiamo indagato sul problema senza avere delle risposte definitive alle vostre richieste sull’argomento. Potrebbe ancora volerci del tempo perchè alcuni dei giocatori vengano rimossi dal Sistema in modo che i loro risultati non influenzino quelli degli altri giocatori nelle Coppe, ecc. Ad ogni modo, siamo lieti di annunciarvi che dei passi avanti sono stati fatti e che non ci fermeremo adesso.”
In attesa di PES 2014, una domanda: siete dei veri apPESsionati? Vi aspettiamo nei nostri gruppi di Facebook Pes Italia 1, Pes Italia 2 e Pes Italia 3 e poi su Pes Italia, la fan page dei gruppi di PES Italia su Facebook raggiungibile a questa pagina. I contenuti? Ovviamente tutto su PES, 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno. Ed ora ci trovate anche su Twitter per avere gli aggiornamenti solo di PES!

Vi ricordiamo inoltre che con Amazon.it non pagate nessuna spesa di spedizione e che trovate il gioco al prezzo più basso d’Italia. Cosa aspettate dunque?