Rome Total War 2 Recensione PC

Postato Set 16 2013 - 12:00am da ITG

272 a.C., un anno fondamentale per la Storia: Roma è ormai pronta per conquistare l’intero Stivale e ad estendere la propria influenza nel Mediterraneo. In quegli anni il mondo ellenico è ancora in piena salute, le popolazioni barbariche a nord e le civiltà della costa africana si preparano agli scontri che avrebbero cambiato per sempre i confini del mondo. Una situazione insomma complessa e profondamente dinamica, che Creative Assembly ha cercato di ricreare al meglio attraverso una mappa mastodontica costituita da ben centosettantatre regioni conquistabili…

Total War: Rome II
è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Per quei pochi che ancora non conoscessero questa splendida serie, spieghiamo subito che il gioco è diviso sostanzialmente in due: troviamo sia battaglie in tempo reale che fasi a turni che fanno da intermezzo. Queste ultime sono fondamentali per seguire al meglio gli aspetti di crescita delle nostre città, potenziare e sviluppare gli eserciti, stringere accordi diplomatici, iniziare guerre guerre e, ovviamente, dar vita a preziose alleanze.

Durante gli scontri in tempo reale, invece, schieriamo le nostre truppe nel campo di battaglia, daremo loro ordini in modo diretto e queste si muoveranno all’istante di conseguenza: in base alle nostre abilità tattiche potremo conseguire vittorie devastanti così come cocenti sconfitte.

Con Total War: Rome II, le meccaniche di gioco hanno raggiunto una complessità e perfezione tali da essere impossibile a descriverle in questa sede: un solo tutorial è tra l’altro insufficiente ed il prologo ci introduce soltanto a quelle che sono le basi di questo mondo virtuale.

In ogni caso, sarà presente anche una voce guida che vi fornirà informazioni fondamentali ogni volta che cliccherete per la prima volta su un’icona o si aprirà un nuovo menù: ma sarà solo con la dedizione e il gioco continuativo che potrete carpire le infinite possibilità che questo gioco offre.

Come si diceva, nelle fasi a turni dovremo prenderci cura non solo dell’esercito ma anche del nostro popolo: per quanto riguarda il primo, potremo aumentare le nostre risorse sia con l’arruolamento che con l’acquisto di mercenari. Per mantenere un esercito però ci vogliono molti soldi e per recuperarli è necessario tassare il popolo: la moneta che otterremo sarà direttamente proporzionale alla grandezza del nostro impero.

Quando incrociamo un esercito nemico o vogliamo conquistare una città, possiamo o affidarci ad una simulazione della battaglia o, come già accennato, prendere i comandi diretti del nostro esercito. La prima scelta si rivela efficace solo se il nostro esercito è negttamente superiore a quello avversario, altrimenti è bene guidare le nostre truppe in modo tale che la nostra tattica possa fare la differenza.

Il problema maggiore delle uscite della serie Total War è sempre stato da ricercarsi nelle risorse spropositate che venivano richieste sotto il punto di vista hardware: per fortuna con Rome II questo aspetto si presenta con minore problematicità, tanto che è possibile farlo girare con un frame rate decente anche su computer di due o tre anni fa.

Ovviamente è possibile godere appieno dello spettacolo partorito da Creative Assembly solo con macchine di fascia alta: zoomando sulle unità è possibile vedere gli elmi risplendere, i nemici bersagliati dalle frecce si proteggono sollevando gli scudi, il tutto con un dettaglio grafico che ha dell’incredibile.

IN CONCLUSIONE
Per l’ennesima volta Creative Assembly è riuscita nel compito, apparentemente impossibile, di migliorare una saga che appariva già di per sè quasi perfetta. Struttura e gameplay sono stati talmente approfonditi che il tutorial appare insufficiente ad illustrare ogni aspetto di questo splendido gioco: questo è forse l’unico difetto che si può ascrivere a Total War: Rome II, visto che il gioco è stato espressamente pensato per i veterani della serie, che troveranno quanto di meglio uno strategico possa offrire, mentre i nuovi giocatori faticheranno non poco a riuscire a padroneggiare con disinvoltura i complessi meccanismi ludici.

GLAMOUR 10
GRAFICA 9
SONORO 8.5
GAMEPLAY 10
LONGEVITA’ 9
TOTALE 9.5

Commenta con Facebook