Sicurezza in vacanza. I dispositivi mobili nel mirino dei cyber criminali

Postato Lug 12 2011 - 12:00am da ITG

Molte persone sono solite andare in vacanza portando con sé il proprio Pc o lo smartphone. Purtroppo questi dispositivi sono spesso protetti in maniera inadeguata. Secondo i dati forniti da Jupiter Research solo il 5% dei dispositivi mobili è protetto con una soluzione di sicurezza. Questo significa che i vacanzieri stanno sempre più diventando un obbiettivo privilegiato dei cyber criminali, soprattutto quando vengono usati hotspot non sicuri, per esempio per mandare cartoline digitali. Questo consente ai criminali di intercettare il traffico dati e spiare informazioni sensibili. Ecco perché G Data raccomanda di utilizzare un’efficace soluzione per la sicurezza informatica e propone una serie di utili consigli per un uso più sicuro di smartphone e tablet Pc.

"Gli hotspot gratuiti presenti nelle località di villeggiatura e negli aeroporti sono spesso inadeguati sul fronte della sicurezza. Gli utenti corrono spesso il rischio di cadere vittima dei cyber criminali che hanno nel mirino dati sensibili“, spiega Ralf Benzmüller, esperto di sicurezza e Head of G Data SecurityLabs. “Un altro mezzo molto utilizzato sono le false applicazioni che possono accedere a tablet Pc o smartphone con sistema operativo Android. In questi casi il malware può nascondersi in applicazioni che, a prima vista, sembrano inoffensive come i giochi. Per questo motivo gli utenti dovrebbero scaricare app solo da fonti sicure come Google Android Market.

Cinque consigli per una vacanza più sicura:
1. Gli utenti dovrebbero installare un’efficace soluzione per la sicurezza sui propri dispositivi mobili che includa un modulo di autorizzazione per installare le app e un virus scanner.
2. Il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni dovrebbero essere sempre aggiornati. Queste consente di eliminare falle di sicurezza che gli hacker potrebbero utilizzare per i loro attacchi.
3. Gli utenti dovrebbero evitare WLAN pubbliche (per es. negli hotel, negli Internet Cafè o negli aeroporti). Solitamente esse sono protette in maniera inadeguata e questo significa che i criminali possono spiare il traffico dati. Gli utenti farebbero meglio ad utilizzare card UMTS.
4. Si dovrebbe evitare di fare online banking in vacanza e nessun dato personale e sensibile dovrebbe essere scaricato o archiviato su Pc pubblici.
5. Chi vuole mandare delle cartoline elettroniche via e-mail dovrebbe creare un indirizzo ad hoc prima di andare in vacanza. Dovreste inoltre scegliere una password sicura per questo account. In questo modo solo questo account sarà compromesso in caso di attacco. Al proprio ritorno l’indirizzo e-mail potrà poi essere disattivato.

Commenta con Facebook