Skylanders Imaginators: La Recensione

Postato Nov 4 2016 - 9:21am da ITG

Siamo ormai giunti alla quinta incarnazione di Skylanders (e la terza per quanto riguarda la next-gen), serie che col tempo è riuscita a catturare sempre più giocatori: il segreto del suo successo è da ricercarsi nella semplicità della formula in grado di conquistare completamente l’attenzione del giocatore. Arrivati adesso a poter provare Imaginators, quello che più interessa è però vedere se gli sviluppatori sono riusciti ad introdurre novità in grado di far sì che il titolo riesca a stupire ancora una volta.

La trama è, come sempre, quanto di più semplice si possa trovare: il solito rompiscatore di Kaos ha scoperto l’antico potere della Magia Mentale e lo sta usando per creare un inarrestabile esercito di Doomlanders! Per fermarlo, Eon ha chiamato alle armi tutti i Padroni dei Portali (ovvero noi giocatori) e i più grandi guerrieri mistici delle Skylands: i Sensei. Dovremo quindi usare il potere della nostra immaginazione per creare Skylanders personalizzati e combattere per difendere le Skylands al fianco dei potentissimi Sensei.

Come facilmente intuibile dal precedente paragrafo la novità principale di Imaginators è rappresentato proprio dall’inedito editor dei personaggi. Nello starter pack (che noi abbiamo provato in versione Playstation 4) era presente un cristallo della creazione di un elemento (fuoco) ma se vorrete creare altri protagonisti di altri elementi, non dovrete fare altro che acquistare i vari cristalli extra disponibili separatamente.

L’editor di Skylanders Imaginators (qui trovate tutte le altre recensioni italiane) riesce a combinare molto bene una interfaccia molto facile da usare a tante possibilità di personalizzazione (compreso il tono di voce che potremo dare alle nostre creazioni): senza ombra di dubbio non si può che parlare di missione compiuta da questo punto di vista. Insieme ai nostri Skylanders, protagonisti del videogame sono i sensei, i maestri che una volta messi sul deck presente nella confezione, ci aiuteranno a migliorare tutti i parametri dei nostri personaggi. Gli appassionati di lunga data saranno ben lieti di sapere che alcuni dei sensi sono ex villain di altri episodi mentre Spyro, l’ex protagonista del gioco, si materializzerà soltanto come NPC. Da non dimenticare poi la super special guest Crash Bandicoot con il suo rivale di sempre, il Dottor Neo Cortex,

Sul fronte del gameplay invece Skylanders Imaginators si mantiene fedele agli episodi precedenti con un buon mix di level design in stile platform ed un combat system migliorato insieme a qualche enigma da risolvere ed i consueti boss battle, momenti decisamente più intriganti sotto il profilo del divertimento ludico. In totale ci vogliono almeno 10 ore per completare lo story mode. Confermata inoltre la possibilità di poter giocare in compagnia di un amico ma solo in locale come vuole la tradizione della serie.

Sotto il profilo audiovisivo, ad ogni episodio Skylanders migliora il suo appeal grafico tanto da somigliare sempre di più ad un cartoon rendendosi così veramente gradevole agli occhi. Lo stesso si può dire per il sonoro, piacevolissimo, anche grazie ad una localizzazione in italiano più che discreta.

skylanders_imaginators_king_pen_4_jpg_1400x0_q85

IN CONCLUSIONE
Ancora una volta quindi questa inossidabile serie non manca di stupire, perchè Imaginators riesce nel difficile intento di mantenere quanto di buono era stato proposto sin dalla primissima uscita, introducendo contemporaneamente l’editor che fa decisamente la differenza. Il tutto funziona in maniera davvero egregia, al punto tale da riuscire a fare la felicità tanto dei vecchi fan che dei nuovi arrivati, che non potranno che apprezzare un gioco in grado di offrire, in particolare ai giocatori più giovani, divertimento e coinvolgimento come pochi altri titoli.

VOTO: 8.5

[AMAZONPRODUCTS asin=”B01GG1T9XU” partner_id=”ital05-21″]

Commenta con Facebook