Battlefield 4 Recensione Xbox One

Postato Dic 11 2013 - 8:38am da ITG

C’è solo un fps a sfondo bellico che abbia saputo tenere testa in tutti questi anni al re incontrastato che risponde al nome di Call of Duty e quell’fps è Battlefield. Pensato nelle sue prima apparizioni come gioco votato completamente all’online, col tempo si è appoggiato ad una campagna single player piuttosto corposa, in modo da accontentare un po’ tutte le categorie di giocatori. Vediamo con quali qualità la quarta uscita saluta la nuova generazione di console, in questo caso quella firmata da Microsoft…

Battlefield 4 è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Il gioco vi porterà dalla periferia di Shanghai fino al Medio Oriente in paesaggi che si susseguiranno in modo piuttosto diversificato allo scopo di salvare un misterioso uomo mascherato dalle mani di Chen, la mente che si cela dietro i tanti tumulti. Purtroppo i dialoghi sono fin troppo stereotipati ed i personaggi mancano di spessore per poter dire che la trama funziona come avremmo voluto a differenza del precedente capitolo della serie…

La campagna principale è in ogni caso più lunga di quella di Battlefield 3 e vi terrà occupati per almeno 6-7 ore prima di poter vedere i titoli di coda: i livelli sono lunghi, articolati e presentano con una certa frequenza eventi spettacolari bellissimi da vedere quanto da giocare. Il fatto che poi tutto avvenga “in-game” rende il tutto veramente emozionante.

Passando invece al gameplay, abbiamo particolarmente apprezzato l’introduzione di una feature che ci permette di segnalare i nemici sul nostro campo visivo ai nostri alleati tramite pressione del tasto RB
, in modo tale da poter affrontare lo scontro aggirando i bersagli: tale feature risulta ben implementata ed è in grado di donare un tocco di spessore in più ad un gameplay già di per sé ben oliato e suffragato da un level design di altissima qualità.

Per quanto riguarda il multiplayer, da sempre fiore all’occhiello di questo brand, DICE ha cercato di superarsi proponendo ben 10 mappe (Hainan Resort, Dawnbreaker, Siege of Shanghai, Paracel Storm, Zavod 311, Lancang Dam, Flood Zone, Rogue Transmission, Operation Locker e Golmud Railway) e 7 modalità di gioco ( Domination, Obliteration, Conquista, Corsa, Team e Squad Deathmatch, Defuse) che garantiscono decine e decine di ore e più di divertimento anche al giocatore più smaliziato.

I due nuovi ingressi sono sostanzialmente Obliteration e Defuse e meritano quindi qualche parola in più: nel primo caso due squadre debbono contendersi una bomba che verrà attivata in una delle stazioni avversarie. Nel secondo invece due squadre di cinque giocatori si affronteranno in mappe di piccole dimensioni con due obiettivi da difendere: uno dei due team dovrà impiantare un ordigno in una di queste due postazioni, l’altro dovrà cercare di evitarlo.

Il gioco, basato sul Frostbite 3, fa bella mostra di sé, portando a video paesaggi ultrarealistici impreziositi da stupendi effetti luce e da esplosioni spettacolari (da quest’ultimo punto di vista Battlefield 4 non ha rivali); particolarmente riusciti anche i modelli dei soldati, con animazioni che in alcuni casi hanno davvero dell’eccezionale. Su Xbox One il gioco si mostra sotto molto aspetti già ampiamente next generation anche se ovviamente qualche elemento (un pò di texture in particolare) risente della natura “cross-generazionale”.

Ottimo anche il sonoro, con un campionamento delle armi maniacale, delle musiche che riescono a sottolineare al meglio l’azione di gioco ed un doppiaggio italiano molto convincente.

IN CONCLUSIONE
Battlefield 4 non delude le aspettative e pur presentando una storia poco originale con dialoghi stereotipati (un peccato pensando all’ottimo intreccio del suo predecessore), ammalia il giocatore grazie ad una campagna single player lunga (se messa a confronto con le altre della serie), varia e divertente. Il multiplayer vede l’introduzione di due nuove modalità, Obliteration e Defuse che, insieme alla riproposizione delle “vecchie conoscenze”, offrono un pacchetto assolutamente divertente ed impressionantemente longevo. Chiude il quadro un comparto audio/video eccellente, che su Xbox One riesce a tenere testa anche ai prodotti nati in esclusiva per la nuova console di casa Microsoft

GLAMOUR 9
GRAFICA 9
SONORO 9
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 9
TOTALE 9

Commenta con Facebook