Ghostrunner 2 Recensione del videogame realizzato da One More Level e pubblicato da 505 Games per PC, Xbox Serie X|S e Playstation 5 (la versione da noi testata e che giovedì 9 novembre potete avere in regalo con il TGTech: tutti i dettagli qui) che si rivela essere un ottimo sequel del capitolo fondante della serie.

Se non conoscete il predecessore (molto male!), possiamo dirvi che proponeva colpi di katana, dinamiche platform e movenze parkour  in una visuale in prima persona in un contesto distopico futuristico cyberpunk. Il secondo capitolo fa lo stesso ma lo fa anche (molto) meglio e con qualche novità tutta da scoprire…

Il gioco è ambientato esattamente un anno dopo rispetto alle vicende che abbiamo vissuto nel primo capitolo. Dopo aver spodestato la dittatura che dominava i sopravvissuti di una umanità oramai ridotta drasticamente ai minimi termini ed in condizioni disagevoli, sembrava poter iniziare a durare un periodo di pace ma non si era fatto i conti con la fazione degli Asura che vorrebbe colmare il vuoto di potere con un nuovo regime oppressivo.

Ecco dunque che alter ego Jack dovrà tornare in azione e questa volta per inseguire uno dei leader degli aspiranti golpisti ha pure una moto, una delle novità di questo secondo capitolo. Ghostrunner 2 non si trasforma in un racing sia chiaro, semplicemente aumenta ulteriormente la velocità delle sezioni in cui controlleremo il mezzo a due ruote per un aumento della difficoltà ma anche per un ulteriore tasso di spettacolarità che abbiamo davvero apprezzato. Inoltre anche da un punto di vista narrativo ci sono innumerevoli sorprese e colpi di scena che ovviamente evitiamo di riportarvi per non darvi alcuno spoiler.

Se pur complesso fin dall’inizio, la progressione di livello in livello del gioco è davvero eccellente con l’introduzione di qualche novità step by step e rendere tutto così molto interessante ma neppure eccessivamente frustrante anche se qualche volta non manca la voglia di lanciare il pad dalla finestra. Per fortuna però sono stati anche inseriti i check point in vari punti dei livelli che risultano essere davvero salvifici e ridurre quello che sarebbe stata un’esperienza fin troppo stressante.

Passando infine alla realizzazione audiovisiva, se pur alcuni asset siano stati “riciclati” dal primo capitolo, si nota un netto miglioramento delle ambientazioni rispetto al predecessore e lo stesso si può dire per animazioni e realizzazione dei vari personaggi di gioco. L’estetica complessiva è assolutamente calzante e coerente per la proposta videoludica ed anche per il suo setting cyberpunk. Lo stesso può dirsi per la componente sonora sempre in assoluta sincronia con l’azione su schermo.

Ghostrunner 2 Recensione – IN CONCLUSIONE
Ghostrunner 2 ha tutto quello che ci era piaciuto (e non solo a noi…) del primo capitolo maggiormente affinato, evoluto ed ottimizzato oltre a qualcosa in più come sviscerato nei precedenti capitoli. Forse si poteva fare di più per la varietà dei nemici ma si tratta di un elemento marginale ai fini della valutazione complessiva visto che il mood provocato dall’estetica cyberpunk e dalle dinamiche interattive in prima persona tra platform e combat è assolutamente vincente. Davvero da non perdere visto anche il suo prezzo “mid-budget”, altro valore aggiunto tutt’altro che da sottovalutare.

VOTO: 9