WRC 9 è il nuovo capitolo della serie ufficiale videoludica per la FIA World Rally Championship ad opera di NACON, insieme al suo studio di sviluppo KT Racing. Dopo la prima uscita lo scorso settembre, ne torniamo a parlare sulle pagine di ItaliaTopGames perché è appena arrivata la versione per le console next generation e dunque dopo averci passato qualche ora su Xbox Serie X, possiamo dirvi come sono andate le cose.

Iniziamo subito con il dire che se avete giocato con WRC 8, vi troverete molto a vostro agio con questo nuovo capitolo, visto che i programmatori non hanno effettuato una rivoluzione ma un miglioramento facilmente percepibile in molti aspetti dell’esperienza di gioco proposta.

L’obiettivo principale del gioco rimane quello di riportare l’emozione del World Rally Championship in tutti i salotti dei fans di rally e dei videogiocatori appassionati del genere grazie alla licenza ufficiale FIA e quindi con tutti i piloti, co-piloti e location della stagione in corso.

In WRC 9 non c’è solo la categoria omonima con le sue potenti auto a quattro ruote motrici e 300 cavalli, ma anche le classi di supporto ovvero le classi Junior WRC, e WRC 2. Anche sul fronte delle cifre, i programmatori non si sono risparmiati visto che nel gioco troveremo decine di differenti condizioni climatiche dinamiche e della luce (giorno, alba, tramonto) percorsi rally con l’introduzione di Giappone, Nuova Zelanda, Kenya, e centinaia di chilometri su cui gareggiare attraverso i Paesi che ospitano le tappe del WRC. Confermata anche la presenza di auto storiche, gioielli a 4 ruote senza tempo.

Passando alle altre modalità di gioco, WRC 9 prevede una modalità carriera rivista sotto vari aspetti. Si tratta di un mix di elementi racing e manageriali, in cui il giocatore  dovrà cercare di arrivare al titolo mondiale WRC nel minor tempo possibile con la possibilità di gestire a livello manageriale anche la propria scuderia. Un concetto simile a quanto visto recentemente in Formula 1 2020 se pur qui declinato con meno possibilità di intervento.

Da non dimenticare neppure il multiplayer che prevede per l’online una lunga serie di eventi a tempo per migliorare la propria classifica nel ranking mondiale. Ci saranno varie competizioni che andranno da una singola corsa ad un intero rally. Se preferite l’offline è presente anche una modalità per giocare in split screen.

Sul fronte interattivo in senso stretto, se pur inizialmente il sistema di controllo piuttosto inerziale strideva un po’ con i principi arcade di chi sta scrivendo questa recensione, con pochi minuti di gioco si entra senza difficoltà nei meccanismi elaborati dai programmatori per un buon sistema di controllo: bisognerà dosare in modo attento freno e acceleratore, oltre a non eccedere in movimenti eccessivi di sterzata pena ritrovarsi fuori strada e perdere così preziosi secondi. 

WRC 9 è quindi certamente un simulatore ma abbordabile da tutti in cui si dovranno prendere in seria considerazione gli aspetti di settaggio e le condizioni climatiche e dell’asfalto per ottenere i risultati migliori.

E poi veniamo all’analisi dell’aspetto tecnico, l’elemento di maggior interesse su Next Gen. Rispetto a quanto visto a Settembre, WRC 9 su Next Gen, oltre ad una notevole riduzione dei tempi di caricamento, può contare sul frame rate davvero granitico a 60 fotogrammi al secondo che dà una fantastica sensazione di velocità ed ovviamente anche la risoluzione a 4K. Inoltre è fuori discussione che la maggior potenza hardware migliori chiaramente la qualità di tutti gli effetti visivi come quelli meteo e di illuminazione.

Detto quanto di buono dei Rally “next gen” bisogna anche dire che a volte si nota un effetto pop up nelle ambientazioni che non ci saremmo aspettati su una console potente come Xbox Serie X ed ovviamente di base il gioco è lo stesso visto qualche mese fa. Quest’ultimo non è un difetto e fa il palio con la stragrande maggioranza dei titoli che saranno disponibili nelle prime settimane di lancio delle nuove console.

Sul fronte audio, gli effetti sonori svolgono in modo funzionale il loro compito mentre la sincronia e l’accortezza dei consigli del navigatore sono migliorati notevolmente rispetto al precedente capitolo, aspetto tutt’altro che da sottovalutare.

IN CONCLUSIONE
WRC 9 in versione next gen è quanto sostanzialmente ci aspettavamo: oltre ad una notevole riduzione dei tempi di caricamento, l’aumento a 60 fotogrammi al secondo regala una straordinaria sensazione di velocità, i 4K migliorano il dettaglio generale e l’hardware più potente rende ancora più splendenti gli effetti meteo e di illuminazione. Un peccato dover annotare qualche effetto pop-up nelle ambientazioni ma ciò non va ad intaccare un giudizio globalmente positivo anche grazie alla mole davvero importanti di contenuti proposti.

VOTO: 8