Alien Colonial Marines Recensione Playstation 3 Xbox 360 PC

Postato Feb 16 2013 - 12:00am da ITG

Alien Colonial Marines è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Il primo film di Alien, diretto da Ridley Scott, è considerato una vera e propria pietra miliare della fantascienza e contrariamente a quanto accade di solito, anche i vari seguiti, con cui si cimentarono registi dalla fama indiscussa, furono opere assolutamente indimenticabili (se si esclude lo scivolone avvenuto con Prometheus, diretto paradossalmente dallo stesso Scott). A rendere questa serie cinematografica così famosa furono le atmosfere cupe e il senso di terrore che derivava dall’aspetto e dal comportamento delle terribili creature: naturale che ogni videogiocatore appassionato di horror abbia sempre desiderato vedere una degna trasposizione, ma questo desiderio quasi mai si è avverato e i videogiochi basati sull’universo di Alien sono quasi sempre stati deludenti.

Le speranze si sono riaccese quando si venne a sapere dello sviluppo di Aliens: Colonial Marines da parte di Gearbox e SEGA… La scelta degli sviluppatori è stata quella di presentare un fps dallo stampo piuttosto classico che non manca di fregiarsi di alcune scelte originali e per certi versi coraggiose, come la scelta di una barra dell’energia che si ricarica solo parzialmente: in poche parole a rigenerarsi sarà solo il singolo segmento di energia e non la barfra della salute nella sua interezza.

A questo si aggiunga un livello di difficoltà mediamente più elevato di uno shooter classico, visto che gli xenomorfi che vi si pareranno contro saranno sempre piuttosto agguerriti e, soprattutto, letali. A rendere il gioco più difficile contribuisce anche la poco elaborata intelligenza artificiale dei vostri compagni, che mostra le proprie lacune in più di una occasione.

Davvero ben riuscite sono le modalità online, poche per la verità (quattro in tutto) in cui potrete impersonare sia marine che xenomorfi in tutta la loro letalità. In queste modalità la tensione sale alle stelle, visto che gli Alien controllati da umani hanno capacità e strategie di agttacco assolutamente non paragonabili a quelli controllati dall’IA. Le mappe sono complesse e ricchissime di cunicoli e tunnel, senza dimenticare la presenza di numerose abilità sbloccabili salendo di rango: insomma, per molti aspetti le modalità online sono il vero piatto forte di questo prodotto.

Ciò che invece convince poco è il comparto tecnico: i modelli poligonali sia dei personaggi che degli xenomorfi sono poco curati e lo stesso dicasi delle animazioni. Sul fronte degli ambienti le cose non migliorano di molto, visto che le texture sono scialbe e spesso si caricano all’ultimo secondo; chiudono il quadro tutto un insieme di bug e compenetrazioni poligonali che potevano essere sinceramente evitati. Più che discreto il sonoro con brani d’atmosfera, ottimi campionamenti audio e un doppiaggio italiano che, pur non brillando per interpretazione, riesce ad essere in sintonia con le atmosfere del gioco.



IN CONCLUSIONE
Ogni volta che viene sviluppato un nuovo titolo dedicato ad Alien, i tanti fan delle pellicole cinematografiche temono il peggio, e a buon ragione, visti i risultati ottenuti fino ad oggi. In questo caso, dobbiamo dire che le cose non sono andate affatto male: il titolo vanta alcune scelte coraggiose in fatto di gameplay, presenta ottime atmosfere ed un comparto multiplayer che, per quanto ridotto all’osso in fatto di numero di modalità, è assolutamente valido e divertente. Purtroppo il neo maggiore è costituito dal fattore tecnico, terreno su cui Colonial Marines non riesce a convincere appieno a causa di modelli poligonali poco curati e di frequenti bug che potevano essere tranquillamente evitati.

GLAMOUR 8
GRAFICA 6
SONORO 7
GAMEPLAY 8
LONGEVITA’ 8
TOTALE 7.8

Commenta con Facebook