Escape Plan Recensione Playstation Vita

Postato Mar 27 2012 - 12:00am da ITG

Realizzato dal team Funbits (gli stessi autori di Fat Princess), disponibile in esclusiva per Playstation Vita tramite Playstation Store, Escape Plan è sicuramente uno dei titoli più outsider e particolari della line-up iniziale della nuova console portatile di casa Sony.

La "stranezza" è subito evidente visivamente: palette cromatica in bianco e nero per non parlare dei due protagonisti decisamente lontani dagli stereotipi degli alter ego dei videogiochi. Escape Plan quindi vuole avvicinarsi a quell’utenza più "alternativa" che vuole una esperienza videoludica meno stereotipata e canonica.

Escape Plan Recensione Playstation Vita

Sotto l’aspetto del gameplay però, non si può dire che Escape Plan risulti del tutto inedita visto che è innegabile come prenda a piene mani dalla tradizione dei puzzle games (chi ha vissuto i periodi del Commodore Amiga non potrà aver dimenticato i Lemmings ma anche Pushover e One Step Beyond).

Escape Plan infatti prevede che i due stravaganti protagonisti (il minuto Lil e il gigantesco Laarg) risolvano una serie di puzzle per darsi alla fuga da una non meglio celata galera in cui sono stati rinchiusi da un infido manigoldo che ha dissimenato la stanza di strumenti di morte e tortura (ma il tutto è reso in stile Grattacchecca e Fichetto… li avete mai visto i Simpsons, vero???). Sarà fondamentale la collaborazione fra i due e lo sfruttamento delle loro caratteristiche (Laarg ad esempio per sfondare porte o abbattere ostacoli) per superare tutti i livelli che ci daranno modo di sbloccare 13 trofei (9 di bronzo, 3 d’argento e 1 d’oro).

Escape Plan Recensione Playstation Vita

Rispetto ad altri puzzle games, a fare la differenza sono le features esclusive di Playstation Vita che incidono direttamente sul sistema di controllo: Escape Plan prevede infatti l’utilizzo combinato dei due pannelli touch, del sixaxis e delle leve analogiche. Le combinazioni dei comandi sono veramente tante così come le interazioni più incredibili con l’ambiente tanto da poter fare anche volare i protagonisti o spremerli per restringere il loro volume.

Il tasso di sfida già elevato potrà essere ancora aumentato se vorrete essere valutati con il massimo punteggio alla fine di ogni livello. Tale ranking sarà assegnato in base al tempo impiegato, al numero di mosse eseguite, di oggetti collezionalabili e di quante morti dei protagonisti sono avvenute.

Escape Plan Recensione Playstation Vita

Passando ad un giudizio sull’aspetto visivo, in questo genere di titoli bisogna dimenticarsi la componente meramente tecnica e dei freddi numeri e prendere in considerazione l’estetica in sè. Ecco quindi che Escape Plan risulta essere una bella variazione sul tema di quello stile apprezzato in un videogame come Limbo o nel film di animazione Nightmare Before Christmas tanto per fare due possibili esempi ed il tutto ha uno stile molto coerente e curato. Lo stesso si può dire per la colonna sonora in perfetta empatia con stile grafico e azione su schermo e pregno di trovate ed effetti veramente riusciti.

IN CONCLUSIONE
Alla modica cifra di 12.99 euro, con Escape Plan su Playtation Vita potrete vivere una bella esperienza di gioco che trae le origini da storici puzzle games come Lemmings e Pushover ma sfruttando le features esclusive dei comandi della nuova console portatile di casa Sony. Belle e particolari le scelte estetiche sia visive che sonore. Qualche livello eccessivamente frustrante e qualche imprecisione nel sistema di comando (dovuto più che altro per le tantissime interazioni proposte) sono le uniche pecche di un titolo che ci sentiamo di consigliare senza esitazione a chi ovviamente ha una buona empatia con questo tipo di interazioni videoludiche.

GLAMOUR 9
GRAFICA 8
SONORO 8.5
GAMEPLAY 8
LONGEVITA’ 8
TOTALE 8.3

Commenta con Facebook