Fifa 15 Xbox One Recensione

Postato Set 30 2014 - 4:17pm da ITG

Ogni anno i tantissimi amanti dei videogiochi di calcio si ritrovano con le nuove versioni dei titoli di EA Sports e Konami. Qui su ItaliaTopGames, nella storia del nostro sito, soltanto Grand Theft Auto 5 è riuscito a catalizzare l’attenzione quanto Fifa e PES. Quindi in modo quasi solenne cominciamo la nostra recensione di Fifa 15 in versione Xbox One…

Fifa 15 è disponibile su Amazon.it in tutte le versioni al prezzo più basso d’Italia e senza spese di spedizione: cliccare per credere! Vi ricordiamo inoltre che potete vincere Fifa 15 con GamesWeek. Scoprite subito come qui!

Di fondo Fifa 15 sulla console next generation di casa Microsoft parte dall’eccellente base della versione precedente ma con molti innesti decisamente interessanti: animazioni migliorate per quanto riguarda le collisioni e le reazioni dei giocatori, con una IA che calcola con maggiore realismo la posizione del corpo del giocatore restituendo movimenti più precisi e dettagliati.

Spicca subito all’occhio inoltre come siano state migliorare le reazioni dei giocatori senza palla controllati dalla CPU, specialmente negli interventi di testa in cui vedremo più saltatori tentare di difendere l’area di gioco, così come nelle fasi relative ai calci piazzati.

Per quanto riguarda il contorno, i programmatori si sono concentrati sul ricreare l’atmosfera tipica di uno stadio, lavorando specificatamente sul pubblico presente sugli spalti, ora arricchito da una nuova modellazione 3D, arricchendo la quantità e la varietà delle cut scene e delle inquadrature sui replay. Fantastica, veramente fantastica poi, la raccolta degli hightlight nell’intervallo e a fine partita.

Ciliegina sulla torta dedicata alle console (360 e One) di casa Microsoft è la presenza delle leggende all’interno dell’Ultimate Team, una vera e propria carrellata sui più grandi campioni del passato che spazia dalla bandiera rossonera Franco Baresi ai fratelli Laudrup, passando per l’attuale allenatore del Paris Saint Germain Blanc, il mitico Valderrama e moltissimi altri.

Evitiamo inutili giri di parole sull’aspetto tecnico: il primo impatto visivo è notevole. Tutto è definito e fluido (ricordiamo che il gioco supporta i 1080p per 60 fps) ed è davvero una gioia per gli occhi, anche solo per la qualità del manto erboso dei campi di calcio e gli effetti meteo (che incidono anche se non troppo, sul gameplay stesso). Rimane ancora qualcosa da fare per quanto riguarda i volti dei giocatori, dove Konami con il Fox Engine riesce a mantenere la leadership in fatto di somiglianze con le controparti reali

I primi minuti di gioco trascorrono nello scoprire tutti i tocchi di classe e i particolari presenti nella cornice del gioco (come ad esempio i poliziotti a bordo campo o i frammenti di erba che si alzano dopo un tiro od un passaggio) cibuno stadio che, finalmente, pulsa e vive trasmettendo al match un’atmosfera davvero realistica.

Anche i dettagli più marginali, come ad esempio i nuovi instant replay o le cut scene che partono in automatico dopo particolari azioni, arricchiscono l’esperienza di gioco rendendo il tutto quasi indistinguibile da una partita vera in TV. Pad alla mano poi si ha una sensazione di libertà e di fluidità nell’imbastire le azioni che mai prima d’ora era stata così marcata.

Le nuove animazioni permettono interazioni inedite, tanto in attacco quanto, soprattutto, in fase difensiva e di interdizione. La nuova telecronaca infine, firmata dal nuovo duo Pardo – Nava ha decisamente alti e bassi. Il positivo è dato proprio dal commentatore principale, Pardo, mentre purtroppo da bocciare Nava che in questa prima edizione risulta proprio non a suo agio per un videogame. Niente da dire invece sulle modalità di gioco on line ed offline e sugli aggiornamenti, sempre puntualissimi e corretti in modo quasi maniacale. Una mania che ci piace e anche tanto!

IN CONCLUSIONE
Se vi aspettavate una rivoluzione rispetto allo scorso anno, forse rimarrete delusi da Fifa 15, ma il team di EA Sports è riuscita ad affinare molte cose rispetto allo scorso anno proponendoci un titolo convincente sotto ogni punto di vista. Rimangono ancora margini di miglioramento (i volti dei giocatori, il commento tecnico di Nava che proprio non ci è piaciuto, qualche bug di tanto in tanto) e sicuramente delle console next-gen ai primi anni di vita che potranno essere sfruttate ancora di più per una realizzazione grafica ancora più convincente. Fino all’anno prossimo però, chi ama il calcio secondo Electronic Arts, troverà godibilissimo giocare a Fifa 15 per mesi e mesi.

GLAMOUR 9
GRAFICA 9
SONORO 8
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 10
TOTALE 9

 

Commenta con Facebook

2 Commenti Unisciti alla discussione!

  1. cristiano 30 Settembre 2014 at 18:53 -

    a me mi perplimono i volti… visto che EA ha quasi tutti i diritti esclusivi!!! mha!!