Jojo’s Bizarre Adventure: All Star Battle Recensione Playstation 3

Postato Mag 2 2014 - 10:56am da Nicola Coccia

Tutti (o quasi) conoscono i nomi dei manga più famosi degli anni ’80 e ’90 come Hokuto No Ken, i Cavalieri dello Zodiaco o Dragonball, tanto per citarne alcuni. Eppure, a fianco di queste pietre miliari ce n’è un altro che gode dello stesso carisma ma che è passato, per certi versi sorprendentemente, inosservato ai più: Jojo’s Bizarre Adventure. Forse perchè lo “spazio” di esposizione era già tutto esaurito o forse perchè, almeno all’inizio, a livello di character design ricordava molto (forse troppo) Ken il Guerriero…in ogni caso, adesso il videogioco sbarca su Ps3, per la gioia di tutt i fan!

Jojo’s Bizarre Adventure: All Star Battle è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Una volta caricato il titolo, la cosa che più colpisce è la fedeltà assoluta con cui i ragazzi di Cyberconnect sono riusciti a riprodurre, con talento quasi maniacale, l’universo partorito dalla mente di Araki: non solo ritroveremo infatti quasi tutti i personaggi del manga, ma ognuno di essi è stato dotato di uno stile di combattimento unico.

Tutto questo aveva portato a problemi di bilanciamento nell’uscita giapponese del titolo, che sono stati fortunatamente corretti grazie ad una sapiente utilizzo di patch, tanto che quello che ci troviamo tra le mani è per certi aspetti un titolo molto diverso da quello della prima uscita.

Il fulcro del combat system ruota tutto attorno agli Stand (che sono quelli tra l’altro che hanno reso peculiare il manga), implementato utilizzando un sistema a metà strada tra Street Fighter e il chain combo system dei Marvel vs Capcom, che permette di eseguire serie complesse di combo ed inserirci a piacimento mosse speciali.

Una volta attivato lo Stand, il guerriero può distaccarsi al volo dalla sua emanazione durante l’esecuzione di alcuni colpi, potendo così contare su due liste di mosse speciali a Stand attivato e disattivato: quel che ne consegue è l’alto tasso di divertimento e soprattutto l’imprevedibilità degli scontri, soprattutto quando si utilizzano determinati personaggi.

La profondità di gioco è poi garantita dalla possibilità di interrompere una combo utilizzando una carica della Heart Heat Gauge, da una schivata istantanea e da tutta una serie di meccaniche che in mani “esperte” possono capovolgere una situazione in qualsiasi momento.

Paradossalmente le note dolenti giungono proprio dal fronte contenuti di gioco: ci saremmo aspettati uno story mode quantomai solido, grazie al fatto di poter sfruttare la licenza, invece gli sviluppatori hanno pansato di accontentarsi di raccontare le vicende tramite semplici muri di testo prima di ogni battaglia.

Ottimo il versante tecnico, ricco di colori esplosivi e forte di una fedeltà stillistica quasi maniacale all’opera originale, con tanto di animazioni che si fregiano delle tante pose plastiche che hanno reso famosi i vari personaggi. Di pregevole fattura anche il sonoro, arricchito da doppiatori professionali per ogni personaggio.

IN CONCLUSIONE
Jojo’s Bizarre Adventure: All Star Battle è un piacchiaduro solidissimo, in grado di incantare tanto i fan dell’opera di Araki quanto gli amanti del genere. Contrariamente alla sua prima uscita giapponese, il titolo risulta ora ben bilanciato grazie all’implementazione di varie patch correttive ed il comparto audio/video è di prim’ordine, anche se dobbiamo lamentare uno story mode che si accontenta dei soliti muri di testo anziché approfittare dei tanti contenuti che si potevano offrire contando sul vantaggio della licenza.

GLAMOUR 8
GRAFICA 9.3
SONORO 8.8
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 8.4
TOTALE 8.8

Commenta con Facebook

1 Commento Unisciti alla discussione!