Marvel vs. Capcom: Infinite – La Recensione

Postato Set 19 2017 - 4:32pm da ITG

Tutti ebbe inizio ben 26 anni fa quando nelle sala giochi di tutto il mondo comparve il capolavoro firmato Capcom e chiamato Street Fighter 2. Oltre al fatto che per la prima volta c’era una buona introspezione dei personaggi ed il livello grafico era qualcosa di irraggiungibile per quel periodo, gli amanti dei picchiaduro a duelli si trovarono di fronte a qualcosa di assolutamente imparagonabile rispetto a tutto quello che si era visto fino a quel momento.

Le combo erano qualcosa di letteralmente spettacolare e la quantità di mosse a disposizione spiazzarono tutti. Da quel momento Capcom, forte del grandissimo successo, iniziò a sfornare nuove edizioni di Street Fighter (Turbo, Alfa ed altre amenità simili) ed in parallelo altri picchiaduro bidimensionali strutturati più o meno allo stesso modo ma con protagonisti altri personaggi: ecco allora gli X-Men e poi tutti i supereroi Marvel.

Ma poi in Giappone si saranno detti: ma perché non fare incontrare questi universi immaginifici così eterogenei ma ricchi di fascino? Ed oggi siamo lieti di presentarvi la nostra recensione di Marvel vs Capcom Infinite appena uscito su Playstation 4 (la versione da noi testata), Xbox One e PC. Il quarto capitolo della serie è così… infinito come dice Capcom? Scopritelo subito nei prossimi paragrafi!

Cominciamo la nostra analisi dallo story mode. Marvel vs. Capcom: Infinite (qui tutte le recensioni italiane) parte dall’unione di due villain piuttosto fetenti ovvero Ultron e Sigma, rivali per antonomasia degli Avengers e di Mega Man. Da questo crossover di cattivi comincerà una lotta che vedrà insieme supereroi Marvel e protagonisti dei videogame Capcom in una narrazione sicuramente stereotipata ma decisamente spettacolare grazie a delle riuscitissime cutscene.

Il roster dei personaggi di Marvel vs Capcom Infinite, nonostante qualche assenza di rilievo (DLC dietro l’angolo?) è sensazionale sia per caratterizzazione grafica che per uno stile estetico capace di mantenere assieme Captain America e Mega Man, Chun Li e King Arthur, Chris Redfield e Thor solo per fare alcuni dei tanti nomi presenti con molti combattenti al loro debutto nella serie. Da questo punto di vista promozione ampissima per il gioco!

Passando al combat system, il videogame è stato rivisto sotto vari aspetti. In primis si è deciso di passare da un 3 vs 3 ad un 2 vs 2 con relative combo unificate fra i due membri del nostro team. Altra novità sono le Gemme dell’Infinito: ne potremo scegliere una fra sei. Ognuna, dopo aver riempito una barra grazie agli attacchi sferrati, consentirà di far esplodere un super attacco che farà molto male all’avversario di turno.

Oltre allo story mode dalla durata standard per un picchiaduro a duelli, Marvel vs. Capcom: Infinite propone la consuetà modalità arcade, la possibilità di giocare online (e non poteva essere altrimenti) ed una zona allenamento che sarà sicuramente utile per non fare figuracce in rete. Completa l’offerta la possibilità di sbloccare tantissimi collezionabili tramite anche la modalità missioni che vi propone vari obiettivi nel corso del vostro combattimento.

Come accennato in precedenza, lo stile grafico di Marvel vs. Capcom: Infinite ci è clamorosamente piaciuto. Abbiamo letto in rete che non tutti la pensano così ma la caratterizzazione dei personaggi ci è sembrata uniforme e credibile nonostante le incredibili differenze di altezza e stazza di vari personaggi. Frame rate a 60 fotogrammi al secondo, animazioni splendide, 1080p di risoluzione. Il tutto non manda in ebollizione la GPU di PS4 ma manda in brodo di giuggiole gli occhi dei fan Marvel/Capcom.

Colonna sonora perfettamente integrata nel videogame con buone tracce rockeggianti al punto giusti e i dialoghi (rimasti in inglese ma con sottotitoli in italiano) epici, drammatici e a volte ironici interpretati in modo egregio.

IN CONCLUSIONE
Marvel vs. Capcom: Infinite rinnova molto la mitica serie crossover beat’em up. Come ogni cambiamento potrà essere apprezzato o meno a seconda di vari parametri soggettivi. A noi questa esperienza di gioco ha convinto sotto ogni aspetto anche se ovviamente è innegabile che essere fan dei supereroi Marvel e dei giochi Capcom, oltre che abituè dei picchiaduro a duelli, siano due aspetti fondamentali per apprezzarlo a pieno.

VOTO: 8.5

Commenta con Facebook