The Bureau XCOM Declassified Recensione Playstation 3 Xbox 360 PC

Postato Ago 28 2013 - 12:00am da ITG

Evoluzione della specie, così chiamano il cambiamento dell’organismo che ha come effetto un adattamento all’ambiente. Questa legge vale in qualche modo anche per il mondo dei videogiochi, anche se non si tratta esattamente di organismi nel senso stretto del termine. Ed in qualche modo ha toccato anche la serie XCOM, che dopo il recente ritorno alle origini grazie all’apprezzatissimo Enemy Unknown, adesso modifica ancora una volta la sua formula nel tentativo di richiamare chi, per un motivo o l’altro, non si è mai avvicinato alla serie.

The Bureau: XCOM Declassified è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

La Guerra Fredda ha gettato la nazione nella paura ma un nemico molto più potente del comunismo sta minacciando l’America. The Bureau, un’unità governativa segreta, inizia ad investigare e a coprire una serie di attacchi misteriosi. Nei panni dell’agente speciale William Carter, prenderemo il controllo della situazione in quello che è un compito tutt’altro che facile: nascondere la guerra per proteggere l’umanità.

Una volta caricato il gioco vi troverete davanti un titolo dal gameplay molto simile a Gears of War: dovrete infatti far fuori i nemici seguendo l’azione da una visuale in terza persona e per sopravvivere potrete fare affidamento ad un cover system ben implementato
.

Non solo infatti potrete ripararvi dietro ogni oggetto che permette di coprire la vostra persona, ma avrete anche la possibilità di scattare da un riparo all’altro o scavalcare il vostro rifugio per coprirvi nel lato diametralmente opposto a quello in cui eravate.

In realtà però, procedendo, vi renderete conto che il gioco è molto più profondo di quello che potrebbe sembrare ad una prima battuta, perchè potrete dare ordini ai compagni che vi affiancano nella campagna, grazie ad un efficientissimo Battle Focus Mode: così, rallentando il tempo fin quasi a fermarlo, potrete dir loro in quale porzione della mappa di gioco spostarsi, assegnare loro un bersaglio o decidere di attivare una qualsiasi delle loro abilità speciali.

In generale i nemici si concentreranno sull’avversario più temibile, per cui la tattica migliore spesso e volentieri sarà quella di cercare di fare da esca per farli poi circondare dai vostri commilitoni (o viceversa).

The Bureau: XCOM Declassified si rivela tutt’altro che facile, in primis perchè gli ambienti di gioco sono sviluppati in modo tale da costringervi a costruire di volta in volta la tattica migliore e poi perchè se lascerete senza soccorso un vostro compagno caduto troppo a lungo, questo sarà bruciato per sempre e non potrete più utilizzarlo in nessun’altra missione. E con lui passeranno a miglior vita ovviamente tutti i potenziamenti che avevate pazientemente sudato.

Pur non facendo gridare al miracolo, il motore di The Bureau convince appieno, grazie anche ad un filtro granulare leggero che rende l’immagine morbida e più piena di quanto non sia in realtà. In effetti gli ambienti non sono poi così ricchi di particolari ma l’effetto finale è comunque positivo, grazie ad un’ottima pulizia generale e a dei modelli poligonali dei personaggi e degli alieni particolarmente riusciti. Ottimo il sonoro, con musiche a tema ben orchestrate ed un doppiaggio italiano tra i migliori che ci siano capitati di sentire negli ultimi tempi.

IN CONCLUSIONE
XCOM The Bureau è un titolo ibrido, che miscela elementi da shooter in terza persona con altri da gioco tattico: questo mix funziona in maniera eccellente, perchè, se le due anime prese a sé risultano ben sviluppate, insieme riescono a creare un gameplay esplosivo, adrenalinico e profondo al tempo stesso. In questo modo 2k Marin riesce ad appagare i “vecchi” giocatore della serie andando però anche ad incuriosire e, perchè no, magari anche appassionare chi con XCOM non ha mai avuto (o voluto avere) niente a che fare. Davvero niente male, soprattutto per quello che è a tutti gli effetti un nuovo inizio che avrà modo di evolversi sempre più.

GLAMOUR 8
GRAFICA 8.2
SONORO 9
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 8.5
TOTALE 8.5

Commenta con Facebook