Assassins Creed 4 Black Flag Recensione Xbox One

Postato Nov 27 2013 - 8:37am da ITG

Quello di fare la vita avventurosa di un pirata è un po’ il sogno nascosto di molte persone, siano esse videogiocatrici o meno. Eppure, forse quel tipo di vita non è così semplice e netto come potrebbe sembrare a prima vista: si è pirata alzando bandiera nera o prendendo soldi da chi ci offre di più. In fin dei conti, però, si tratta sempre di portare distruzione per ottenere ricchezze, tutt’altro che una vita libera, insomma… E sembra proprio questo il dilemma che Ubisoft Montreal ha cavalcato nello sviluppo di Assassin’s Creed IV: Black Flag.

Assassin’s Creed 4 Black Flag è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Corre l’anno 1715. I Caraibi sono sotto il controllo dei pirati che hanno fondato una vera e propria repubblica, priva però di qualsiasi legge, perciò corruzione, avidità e crudeltà sono all’ordine del giorno. Tra questi fuorilegge vive un giovane ed esuberante capitano di nome Edward Kenway, la sua lotta per conquistare la gloria gli ha fatto guadagnare il rispetto di vere leggende dei mari come il pirata Barbanera, ma lo ha anche trascinato nell’antico conflitto tra Assassini e Templari, una guerra che potrebbe distruggere tutto ciò che i pirati hanno ottenuto.

La storia, come avrete avuto modo capire, è bella corposetta e supera, per qualità narrativa, quella del terzo capitolo, che dava sempre la sensazione di stentare un po’ a decollare. Lo stesso non si può purtroppo dire del gameplay, come sempre tallone d’Achille della serie, che non manca però di apportare alcune lievi migliorie.

Sostanzialmente abbiamo due “facce”: le sezioni classiche, a piedi, e quelle in mare. Queste ultime, in particolar modo, sono l’espressione all’ennesima potenza di quanto ci aveva già mostrato il terzo capitolo: avremo a disposizione cannoni “normali”, cannoni frontali che servono a rallentare il nemico ed infine cannoni rotanti per causare danni particolarmente devastanti. Una volta avuta la meglio, avremo poi la possibilità di affondarla o tentare l’arrembaggio.

Passando invece alle fasi a piedi, esse avvengono su tutto il territorio esplorabile senza soluzione di continuità, se si escludono alcuni punti scriptati per ovvi motivi di funzionalità (tipo porti e viaggio rapido): una volta presi i controlli del protagonista, ci si rende subito conto che il gameplay è rimasto praticamente invariato rispetto al precedente capitolo (è stata tra l’altro mantenuta l’attività venatoria).

Piccole modifiche sono state apportate alle fasi di combattimento, perchè adesso gli scontri sono fortunatamente molto più veloci, senza considerare il fatto che sono state introdotte quattro pistole, che permettono al giocatore di esplodere quattro colpi in maniera consecutiva (è stata introdotta tra l’altro la possibilità di sparare anche mentre si corre: davvero niente male.

Dal punto di vista tecnico Black Flag risente un po’ del peso degli anni di un motore che è stato concepito nell’ormai lontano 2007, il che suona per certi versi ironico se si considera che ai tempi il primo capitolo faceva bella mostra di sé settandosi ai primissimi posti dell’Olimpo proprio per la resa visiva. Certo è pure però che su Xbox One le animazioni sono notevolmente migliorate così come il frame rate e la qualità di texture, orizzonte visivo, effetti particellari e dinamici. Non potevamo certo aspettarci un titolo completamente diverso rispetto alle console “current-generation” ma il lavoro svolto per ottimizzarlo al meglio è senza ombra di dubbio apprezzabilissimo. 

Ottimo il sonoro, con musiche marinaresche veramente molto ispirate ed un doppiaggio italiano di elevatissimo livello, con Francesco Pannofino molto bravo nel ruolo di Barbanera e Alessandro Capra in quello di Edward Kenway.

IN CONCLUSIONE
Assassin’s Creed IV: Black Flag se da un lato supera di molto il suo predecessore dal punto di vista della narrazione, lo stesso non si può dire del gameplay, diviso per l’occasione tra fasi in mare e a piedi. Queste ultime, in particolar modo, sono piuttosto conservative degli stilemi della serie, regalando giusto qualche piacevole introduzione nella fase di combattimento. Certo, per alcuni questo può rappresentare poca cosa, ma per gli altri (e i fan di Assassin’s Creed sono tantissimi) Black Flag è l’ennesimo capitolo che saprà ancora una volta catturare il giocatore immergendolo nelle sue atmosfere magiche. Su Xbox One poi, pur non rappresentando un vero e proprio salto generazionale, potremo apprezzare un appeal visivo notevolmente migliorato sotto vari aspetti che saranno sicuramente apprezzati da tutti i seguaci del credo dell’assassino…

GLAMOUR 9.5
GRAFICA 8.5
SONORO 9.5
GAMEPLAY 7.5
LONGEVITA’ 9.5
TOTALE 9

Commenta con Facebook

4 Commenti Unisciti alla discussione!

  1. iaio 28 novembre 2013 at 21:20 -

    gioco pazzesco,graficamente darei un voto piu’ alto….ma è veramente fatto bene e il personaggio è molto affascinante…è bellissimo questo gioco

  2. fabio 28 novembre 2013 at 21:31 -

    giocateci su pc a settaggi massimi e vi accorgerete dopo 3 giorni di essere diventati dei vegetali roba da uscire di casa e avere paura di incontrare barbanera al supermercato 🙂