Provato PES 2019 – Le Impressioni di Rudy Salerno

Postato Giu 28 2018 - 8:07am da ITG
pes 2019 ettorito

Come altri siti e community, anche ItaliaTopGames e PES ITALIA hanno avuto modo di provare in anteprima Pro Evolution Soccer 2019 in questi giorni. Per noi è andato Rudy Salerno e quelle che seguono sono le sue impressioni. Buona lettura!

Presso la sede di Digital Bros, ho avuto la possibilità di provare il primo codice mostrato all’E3 di Los Angeles di PES 2019. Ho testato principalmente il gioco sulla base del gameplay e della parte grafica.

Risalta subito all’occhio un notevole miglioramento del manto erboso, reso molto reale considerando che il gioco provato era su una PS4 PRO, ma su televisore in HD. PES 2019 girerà in 4K e HDR e Konami quest’anno non rilascerà il gioco su PS3 ed Xbox 360.

Il codice provato, come l’anno scorso, tende ad essere molto simile al suo predecessore. La velocità di manovra risulta più lenta, un gioco più ragionato che permette di verticalizzare se ci sono gli spazi per sorprendere l’avversario in contropiede.

Il movimento del copro del giocatore è più fluido e questo rende molto omogeneo il gameplay.  Il possesso palla è fondamentale per arrivare in porta, risulta importante far girare la palla per creare gli spazi per concludere l’azione. I contropiedi sono leggermente meno efficienti perché i difensori coprono bene e intercettano i passaggi, infatti il filtrante è meno efficace.

I passaggi sono meno potenti e mi è piaciuto molto il fraseggio nel corto, visto che i giocatori eseguono anche colpi di tacco creando imprevedibilità di manovra, creando situazioni interessanti di gioco.

pes 2019 4k

pes 2019 4k

I Tiri sono stati leggermente depotenziati. Il Cambio cursore è stato migliorato, personalmente risulta più reattivo del 2018 dove si sono riscontrati problemi. Le finte con R3 risultano essere leggermente più reattive, si è notato una diminuzione dello scatto: ad esempio prendendo giocatori tipo Neymar non si riesce scappare via sempre al difensore come succede in PES 2018.

Il comparto difensivo, è da rivedere: a volte il difensore risulta leggermente pesante, ma ricordiamoci che è il primo codice ed è prematuro trarre conclusioni.

Contrasti dei giocatori: hanno una caduta uniforme, ad esempio in un calcio d’angolo l’attaccante ha cercato di anticipare il difensore, cadendo in modo omogeneo. Un elemento positivo anche i contrasti.

I portieri non sono scandalosi, ma sono da rivedere soprattutto in uscita, ma rimango ottimista che sapranno fare il loro dovere tra i pali nella release finale.

L’arbitro fischia qualcosa in più: ad esempio se un giocatore anticipa l’altro e da un calcione, può sanzionare il calcio di punizione, ma a volte servirebbe il Var!  E’ successo con un intervento in scivolata da calcio di rigore che non è stato sanzionato. Da rivedere sotto questo punto di vista.

Il sistema di punizione non ha subito cambiamenti, così come i calci di rigore.

Sono state introdotte le sostituzioni veloci, si può selezionare il giocatore da cambiare con diverse opzioni della panchina.

Ho notato piccole correzioni rispetto a PES 2018: andando sul fondo ed entrare in area di rigore, risulta meno efficacie il cross-goal o andare sul fondo e passarla in orizzontale ed arrivare al tiro, perché il marcatore è posizionato prontamente a chiudere lo spazio. Il pallonetto-bug mi è stato fatto mentre giocavo, se sarà presente nella versione finale non lo so, ma spero che lo aggiustino.

Ho provato anche il full manual: precisiamo, non sono un giocatore manual ma la risposta dei comandi mi è sembrata ottima.

Le conclusioni per questo codice di E3 sono ottime in prospettiva del gioco finale: non sarà una rivoluzione del gameplay del 2018 ma le migliorie si vedono a vista d’occhio e anche a joypad alla mano. Una grave mancanza di PES rimane l’atmosfera dello stadio, che non si percepisce come la concorrenza. Personalmente giocare ad Anfield o al Camp Nou non cambia più di tanto.

Per quanto riguarda i contenuti aspettiamo tutti novità sul nuovo Myclub e sperando che aggiungono qualche nuova modalità offline e online sfruttando anche la co-op una modalità che è piaciuta a molti quest’anno per rendere il gioco più godibile in altri aspetti.

Le aspettative di ogni giocatore di PES riguarda la componete online da migliorare assolutamente, ma questo lo sapremo solo a gioco uscito (30 agosto)

Aspettando novità che arriveranno nelle prossime settimane dal Tour Mondiale organizzato da Konami, appuntamento in italia il 17 luglio dove ci sarò ancora per provare un codice più aggiornato.

La data della demo vi ricordo che sarà comunicata il 21 luglio durante le finali della Pes League.

Per continuare a parlare di PES 2019 vi aspettiamo nel forum di PES ITALIA dove trovate la raccolta completa di notizie fino a questo momento disponibili sul prossimo capitolo di PES 2019 così come nel nuovo super gruppo di apPESsionati di Facebook PES Italia e nella omonima Fan Page, PES ITALIA, dove siamo già oltre 19.000!

*NOVITA’: PES ITALIA ORA E’ ANCHE SU TELEGRAM PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI CON TUTTE LE NOTIZIE!*

Commenta con Facebook