Red Dead Redemption 2 Recensione

Postato Nov 2 2018 - 10:51am da ITG
Red Dead Redemption 2 Recensione

Red Dead Redemption 2 Recensione ad una settimana dal day one. Non è affatto facile scriverla dopo che avrete probabilmente già letto tanti degli articoli comparsi in rete e che ItaliaTopGames ha prontamente aggregato con una media voto mai vista prima nei 10 anni di vita del nostro sito. 9.9 su 10, ovvero ad un passo dalla perfezione. Ve lo diciamo subito se non lo avete già fatto voi arrivando a fine articolo: anche noi ci accodiamo al perfect score.

Non è la prima volta che diamo un 10 pieno ed RDR 2 lo merita forse più degli altri. Non perché sia un titolo perfetto (d’altronde cosa significa ontologicamente la perfezione nel campo dei videogiochi?) ed inoltre non è detto che possa piacere a tutti i palati. Detto questo però lo sforzo (già ampiamente ripagato con vendite record) produttivo ed intellettuale di R* è sostanzialmente il punto di arrivo della filosofia che da sempre contraddistingue questa software house.

Pochi titoli, centellinati nel tempo, ma che come in questo caso riscrivono le regole del genere di appartenenza. Dopo Red Dead Redemption 2 i free roaming non potranno ignorare i nuovi parametri scritti da questo kolossal enorme, vivo, in continua evoluzione, curatissimo ai limiti del maniacale. Non si può parlare di realismo ma di una nuova dimensione della vita virtuale, con l’evolversi di ogni singolo aspetto di questo mondo che se pur attualmente soltanto offline, riesce a tenerci incollati per decine e decine di ore mentre tutto cambia intorno a noi.

Difficile dire se ci sia piaciuta di più l’incredibile narrazione che RDR 2 propone o la qualità tecnico-estetica(sia visiva che sonora) che già su una Playstation 4 “standard” lascia davvero senza fiato. Indubbiamente sono i due aspetti secondo la nostra opinione davvero vicini alla perfezione mentre il gameplay, straordinario sia chiaro, ha comunque dei comandi non sempre proprio comodissimi per alcune azioni da compiere.

Dovendo trovare un altro difetto a Red Dead Redemption 2, è il mancato arrivo del gioco su PC. Oramai si contano davvero sul dito di una mano le grandi produzioni che negli ultimi anni non sono arrivate su Windows 10. Considerando che chi sta scrivendo questa recensione ha una scheda video di penultima generazione al di sopra anche delle performance di Playstation 4 Pro ed Xbox One X, è lecito sognare di poter rivivere questa epopea western con una qualità grafica ancora più superiore con un porting di cui si è già tanto discusso.

Red Dead Redemption 2 comunque se ne fosse ancora bisogno conferma ancora e più di prima che quando si realizzano opere straordinarie, il single player nel mondo dei videogiochi è tutt’altro che morto, anzi, con la sua componente narrativa raccoglie ancora grossa parte delle preferenze dei giocatori, forse soprattutto quelli meno giovani.

Poi ovviamente per aumentarne la longevità probabilmente a +infinito, aspettiamo di scoprire la componente online che se avrà lo stesso successo di GTA Online, farà rimanere installati i 90 giga del gioco per davvero tantissimo tempo nelle nostre console.

IN CONCLUSIONE
Questa recensione è sostanzialmente diversa dalle nostre altre, soprattutto perché siamo arrivati un po’ lunghi (non per nostra volontà…) rispetto alle tante recensioni italiane già uscite prima del day one del gioco. Ci tenevamo però a ribadire che Red Dead Redemption 2 riscrive, anzi, rivoluziona, i parametri delle esperienze di gioco free roaming ed ovviamente non solo in ambito western. Un’esperienza interattiva forse non adatta a tutti i palati, vuoi per l’ambientazione, vuoi per il ritmo di gioco così differente rispetto agli standard di questo tipo di esperienze videoludiche, ma perdersi un titolo del genere sarebbe davvero un peccato per tutti coloro che si definiscono videogiocatori…

VOTO: 10

Commenta con Facebook