Dragon Ball Z: Battle of Z Recensione Playstation 3 Xbox 360

Postato Gen 25 2014 - 8:19am da Nicola Coccia

Nonostante il trascorrere degli anni la serie di Dragon Ball continua ad appassionare giovani e meno giovani, incollati alla tv per seguire le gesta di Goku e compagni, ed anche le trasposizioni videoludiche sembrano condividere lo stesso successo. In questo secondo caso però, dobbiamo dire che la serie è “ferma” a quel famoso Tenkaichi 2 che fece registrare nuovi picchi di giocabilità e dai quali i capitoli successivi non hanno saputo distaccarsi, arrivando in alcuni casi addirittura ad approdare ad esiti decisamente mediocri. Che sia arrivato il momento della riscossa?

Dragon Ball Z: Battle of Z è disponibile su Amazon.it al prezzo più basso del Web in tutte le versioni, ordinandolo lo riceverete direttamente a casa vostra senza pagare nulla per la spedizione: cliccare per credere!

Purtroppo le nostre speranze vengono disattese sin dai primi momenti di gioco, visto che Batlle of Z ci fa rivivere la storia dall’arrivo di Radish sulla terra, proseguendo poi con la saga degli androidi e la comparsa di Majin Bu, concedendoci per fortuna la possibilità di prendere il possesso dei cattivi più potenti in battaglie parallele nonché rivivere gli scontri epici visti nei film.

A livello di narrazione siamo purtroppo ai minimi storici ed il titolo si limita a presentarci una serie di scontri tutti più o meni simili tra loro, seguendo la cronologia del manga ma andando a “censurare” tutti gli eventi indispensabili ad una buona ed efficace narrazione della storia.

Fortunatamente però gli sviluppatori hanno pensato di fare un piccolo strappo alla regola, confezionando scontri in squadre di quattro personaggi: grazie ad un comodo menù a forma di cerchio potremo così creare il team dei nostri sogni.

Dobbiamo a questo proposito segnalare un paio di difetti, che vanno a sommarsi tra loro col forte rischio di invalidare il gameplay: anzitutto la possibilità che ci viene offerta di comporre squadre costituite esclusivamente dallo stesso personaggio (andando così a frantumare l’atmosfera) e poi il forte sbilanciamento dei personaggi (alcuni hanno delle mosse speciali talmente devastanti da rendere alcuni lottatori totalmente inutili).

Altro neo, forse il più importante visto il genere di appartenenza, è dato dall‘eccessiva semplicità del sistema di combattimento, visto che con un solo tasto potremo performare tutto il set di mosse di calci e pugni mentre per le mosse speciali ci si affida ai grilletti posteriori del pad.

I combattimenti risultano comunque spettacolari ed esaltanti, grazie ad una certa maestria nell’uso del cel shading ed all’accuratezza delle animazioni; stranamente le mosse speciali, che dovrebbero essere i fiori all’occhiello della produzione, risultano grezze  e decisamente sottotono. Segnaliamo infine qualche problema con la telecamera, a volte troppo ballerina, soprattutto nelle fasi aeree, quando perde di vista il nostro personaggio. Ottimo il sonoro, con sigla originale e voci in giapponese come al solito al top della recitazione.

IN CONCLUSIONE
La serie di Dragon Ball non è riuscita a fare passi avanti dall’uscita dell’ormai lontano Tenkaichi 2 e dobbiamo ammettere, con una certa amarezza, che nemmeno questo Battle of Z riesce a far compiere al brand quel salto qualitativo che in molti ormai aspettano da tempo. La struttura narrativa, andando ad eliminare tra l’altro episodi fondamentali, è piuttosto carente e la struttura ad incontri non aggiunge nulla a quanto già visto negli episodi precedenti, se si escludono i team da quattro giocatori, con diversi problemi legati soprattutto ad un gameplay eccessivamente semplicistico. Il comparto audio/video per fortuna è decisamente buono e riesce ancora una volta ad entusiasmare grazie all’epicità degli scontri, ma davvero occorre fare molto di più…

GLAMOUR 7
GRAFICA 8
SONORO 9
GAMEPLAY 6
LONGEVITA’ 6
TOTALE 6.5

Commenta con Facebook