Hidden Agenda – La Recensione

Postato Dic 4 2017 - 2:43pm da ITG

Dopo il sorprendente horror interattivo Until Dawn, Supermassive Games continua a muoversi sul confine tra cinema e videogiochi ma con Hidden Agenda volge l’attenzione verso il genere thriller e dinamiche maggiormente social rispetto a UD.

Come gli altri titoli della nuova collana playlink (per saperne di più potete leggere il nostro speciale cliccando qui) sarà possibile infatti tramite una app gratuita, utilizzare i nostri smartphone e tablet iOS ed Android come controller, togliendoci dall’incombenza di dover acquistare dei pad per giocare in compagnia.

Perchè Hidden Agenda se pur giocabile anche in solitaria, è un film interattivo da vivere in compagnia. Si tratta di un vero e proprio film a bivi con una componente interattiva veramente limitata al massimo (ci sono soltanto alcuni quick time event) in cui i giocatori, fino a quattro in contemporanea, dovranno decidere qualche strada prendere. A volte basterà la maggioranza, in altre occasioni tutti dovranno essere concordi (salvo diventare il dittatore della decisione se avremo a disposizione una carta decisione, rintracciabile durante i quick time event) nella scelta da effettuare, stimolando così una interazione fra i giocatori nel mondo reale.

In altre situazioni ci troveremo a dover scegliere il giocatore “più calmo in situazioni difficili”, oppure quello che ha più forte il senso della giustizia e simili dando loro la possibilità di prendere successivamente alcune decisioni in solitaria. Altro tipo di interazioni “stuzzicanti” dunque per l’atmosfera che si respirerà davanti alla Playstation 4.

Il collante di questa esperienza dunque molto “social” è una storia ambientata in una non meglio cittadina statunitense di poliziotti onesti e poliziotti corrotti, presunti e reali serial killer, avvocati con una morale ed altri senza scrupoli. Insomma, un plot adulto e scafato godibilissimo dai 18 in sù per tutti.

E a rendere il tutto ancora più convincente, oltre ai finali multipli che aumentano potenzialmente la longevità, una realizzazione audiovisiva di ottima qualità. Le animazioni dei volti dei protagonisti sono ben al di sopra della media così come le loro animazioni e la qualità delle texture mentre sul fronte sonoro, l’eccellente doppiaggio in italiano e l’ottima soundtrack tipicamente cinematografica fanno veramente bene il loro compito.

IN CONCLUSIONE
Tra le proposte di Playlink, quella di Hidden Agenda è quella che ci ha convinti di più. Un buon film interattivo ben congegnato per provocare varie interazioni tra i giocatori davanti alla Playstation 4 e renderlo così un’esperienza decisamente social a tutti gli effetti. Certo, una volta finito il mistero principale sarà stato svelato ed i finali multipli interesseranno poco così come la modalità competitiva sembra soltanto un riempitivo ma d’altra parte con 20 euro, il prezzo del gioco, non si riesce neppure ad andare al cinema in quattro e quindi merita indubbiamente la promozione anche in fatto di rapporto qualità/prezzo.

VOTO: 8

Commenta con Facebook