Attack on Titan 2 Final Battle Recensione

Postato Lug 13 2019 - 10:40am da ITG
Attack on Titan 2 Final Battle Recensione

Attack on Titan 2 Final Battle. Negli ultimi anni indubbiamente Shingeki no Kyojin (L’Attacco dei Giganti se malauguratamente neppure voi conoscete il giapponese…) è stato uno dei manga più apprezzati da critica e pubblico. Stessa sorte è toccata all’anime realizzato da Wit Studio e Production I.G. Da lì il passo a due videogiochi prodotti da Koei Tecmo e realizzati dal team di sviluppo di Omega Force è stato davvero rapido.

In questa estate 2019, è dunque arrivato Attack on Titan 2 Final Battle, versione aggiornata ed espansa di AOT 2, uscito nel marzo del 2018 e disponibile per Playstation 4 (la versione da noi testata), Xbox One, PC e Nintendo Switch. Chi avesse già AoT 2 può acquistare Final Battle come DLC ad un prezzo decisamente esoso visto che stiamo parlando di 49.99 euro, in pratica un prezzo molto vicino all’acquisto di AOT 2 FB nei negozi. Scelta secondo noi assolutamente poco convincente  che in qualche modo penalizza i fan della serie che l’anno scorso avevano già acquistato il gioco.

Niente da dire invece sulla quantità di nuovi contenuti. Oltre a nuove armi da fuoco ed elementi dell’equipaggiamento che rendono ancora più variegato il gameplay, Attack on Titan 2: Final Battle offre agli aspiranti comandanti la possibilità di creare il proprio team e di combattere per recuperare i territori al di fuori delle mura, nella Territory Recovery Mode. All’inizio del gioco, i giocatori saranno in grado di personalizzare il nome e l’emblema della loro squadra e potranno assegnare il ruolo di comandante a uno dei personaggi giocabili del gioco – incluso il loro Scout di A.O.T. 2.

La Territory Recovery Mode prevede due fasi. La prima è una fase di “Base” in cui i giocatori possono liberamente girovagare per socializzare con gli alleati, utilizzare i materiali per aggiornare le attrezzature e prepararsi per la battaglia che li attende. Una volta completata questa fase, inizia la fase “Outer Campaign”; qui gli Scout si avventureranno fuori dalle mura, nella speranza di reclamare territori.

L’altra novità corposa riguarda lo story mode. Ambientata durante la terza stagione di Attack on Titan, la Final Battle’s Story Mode segue i punti di vista di alcuni personaggi selezionati che hanno un ruolo chiave nella Stagione 3 – ora giocabili per la prima volta – portando così il numero totale di personaggi giocabili ad oltre 40. In aggiunta ai contenuti che coprono le stagioni 1-3 della popolare serie anime, gli sviluppatori hanno incluso anche episodi originali per offrire qualcosa di unico ai fan della serie.

Scendendo sul campo di battaglia, siamo di fronte nuovamente ad un action shooter in terza persona alla spalle del protagonista in cui il nostro alter ego tramite dei cavi d’acciaio che potrà sparare in qualsiasi istante, sarà in grado di sfruttare vegetazioni o edifici un pò in stile Spider-Man e raggiunta una elevazione sufficiente, attaccare il gigante di turno con il nostro arsenale a disposizione.

Una volta preso mano con questo inconsueto combat system piuttosto profondo e ricco di aspetti da prendere in considerazione, ci si diverte veramente molto con un gameplay capace di mostrare un elevato tasso di originalità ed anche una sfida impegnativa visto che più avanziamo di livello, più i giganti sono forti e capaci di difendersi ai nostri attacchi.

I pregi della produzione di Koei Tecmo non sono finiti visto che sono ben al di sopra della media le scene di intermezzo realizzate per renderci noto l’intreccio narrativo ed anche la colonna sonora è di valore senza alcun dubbio.

Attack on Titan 2 Final Battle qualche limite però lo presenta. Il primo è rappresentato dalla pochezza delle missioni secondarie piuttosto anonime e poco incisive in fatto di level design,tutto il contrario di quanto visto nelle missioni “obbligatorie” che ci consentono di avanzare nello story mode.

Messa poi da parte la bellezza estetica ripresa, giustamente, in modo pedissequo dall’anime, tecnicamente il titolo soffre di alcuni limiti come un aliasing fin troppo accentuato ed un livello di texture e numero di poligoni ben lontani dalle soglie di eccellenze a cui oramai siamo abituati su Playstation 4, Xbox One e PC. 

IN CONCLUSIONE
Attack on Titan 2 Final Battle riprende quanto di buono c’era nel secondo capitolo di AOT 2, proponendo ai fan della serie nuove armi, nuovi equipaggiamenti, una nuova corposa espansione allo story mode ed una modalità di gioco inedita e davvero interessante. Se l’anno scorso non avete acquistato la prima versione, se siete fan della serie non vi dovete assolutamente far sfuggire questa occasione. Rimane invece la perplessità di proporre il DLC di Final Battle per chi già possedeva il titolo “base” ad un prezzo davvero troppo alto nonostante l’innegabile quantità e qualità di nuovi contenuti.

Attack on Titan 2 Final Battle VOTO: 8

Commenta con Facebook