Attratti dalle vicende e dal nuovo gioco “efootball” della Konami, distratti dall’annuncio e da alcuni Trailers/Video proposti da StrikerZ sviluppatrice di “UFL”, le notizie riguardanti “GOALS” passano un po’ inosservate anche perchè il titolo calcistico ideato da Andreas Thorstensson (sviluppatore di videogames ed ex giocatore professionista di Counter-Strike) viene annunciato come pubblicazione per il 2024-2025-2026. L’ideatore di GOALS ha affermato:

“Sarà un videogioco free-to-play tripla A, pensato per il multiplayer e pronto per gli eSport. Dopo aver giocato oltre 5 mila partite in FIFA (FUT) e aver osservato per lungo tempo la scena eSport, con molto dolore mi sono reso conto di quanto sia carente, con nessuna speranza di miglioramento. Per questo motivo, ho deciso di intervenire in prima persona”.

Negli ultimi tempi il Team di Andreas ha curato la comunicazione con articoli sul sito (https://goals.co/) e alcuni video su youtube, tutto rigorosamente in lingua inglese.

Vediamo di fare insieme un pò di luce su quanto pubblicato e dichiarato fino ad ora.

Per decenni ci siamo abituati a giocare ai videogiochi calcistici con i calciatori esistenti nella vita reale, con la loro rappresentazione digitale.

Ciò è accaduto soprattutto negli ultimi anni perché la realizzazione grafica e la caratterizzazione dei calciatori è stata sempre più realistica.

Mentre è vero che sia interessante giocare con i nostri calciatori preferiti, è vero che possa anche essere un fattore molto limitante che danneggia la varietà dell’esperienza di gioco non essendoci, in alcune modalità di gioco, la diversità dei giocatori in campo.

Due Mbappé in campo, due Neymar, mezza squadra con gli stessi giocatori utilizzati da entrambi i Players.

Soprattutto con le modalità FIFA FUT e KONAMI myClub/Dream Team capita di giocare con 4-5-6 o più giocatori che nello stesso momento sono utilizzati dall’avversario. Raramente con il tempo si continua a giocare con giocatori che hanno overall inferiore a 80 e spesso gran parte dei Teams ha giocatori con overall da 86-88-90 in su.

Le stesse squadre, con qualche variazione di formazione, le devi affrontare più e più volte e alla fine le formazioni sono più o meno sempre quelle. Prima di avviare il match, sappiamo che la formazione avversaria è sempre più o meno quella con qualche modifica ai moduli.

Questo non accade nei Campionati Manageriali come quello di VideoGamersLand di Nicolas Morgese , PES old School di Fabrizio Riccardi e Nicola Schiavone, Manual Club di Tiziano De Martino e tanti altri esistenti sul Pianeta perché in queste modalità nessun Player può avere in rosa lo stesso calciatore esistente nella rosa di un altro Player. Vedremo più avanti quale unicità ulteriore propone GOALS.

GOALS ci dice:E se potessimo fare qualcosa di nuovo e fresco per creare squadre a sorpresa e dall’aspetto generale diverso? E se potessimo creare giocatori completamente unici mantenendo per certi aspetti la connessione con la vita reale?”

Tutti i giocatori di GOALS sono generati nel “G_LAB” la Struttura di Ricerca e Sviluppo di GOALS. In G_LAB viene utilizzata una tecnologia all’avanguardia per generare e sviluppare giocatori e altre risorse legate al calcio.

Dopo anni di sperimentazione nel G_LAB, è nato il sistema DNA. La base del sistema DNA è creare giocatori completamente unici, sia dal punto di vista visivo (realizzazione grafica) che prestazionale (i parametri individuali e le abilità).

Quindi, ogni volta che un nuovo giocatore viene generato in GOALS, riceverà una combinazione unica di geni delle prestazioni (che determinano i parametri individuali/le abilità) e geni visivi (che determinano l’aspetto grafico, il volto e la conformazione fisica).

L’unico modo per generare e ottenere nuovi giocatori è attraverso le ricompense di gioco.

Le ricompense che in altri titoli ci danno modo di acquistare le Cards, in GOALS ci daranno la possibilità di “Generare un nuovo e unico Giocatore che nessun altro Player del Pianeta potrà generare”.

GENI DELLA PERFORMANCE

Attualmente il progetto prevede che ogni giocatore generato in GOALS riceva 6 geni di prestazione, uno per ogni attributo, che determineranno le statistiche iniziali/i parametri di base di un giocatore (tutti i giocatori digitali entreranno in gioco con l’età di 18 anni).

Quando generato, un giocatore può ricevere tre diversi tipi di geni delle prestazioni:

1. Overall 80+ (statistiche fisse)

Se un giocatore riceve una statistica fissa di 80 o superiore per un attributo, significa che il giocatore ha ottenuto un gene della performance ispirato a un giocatore reale.
Il giocatore condividerà quindi le caratteristiche per quell’attributo specifico con il giocatore nella vita reale e il parametro non cambierà nel tempo.

Questi sono i geni delle prestazioni più esclusivi del gioco, specialmente quelli di alto livello.

  1. Overall 40-79 (statistiche fisse)

Se un giocatore riceve una statistica fissa tra 40 e 79, significa che il giocatore ha ottenuto un gene di prestazione generico che non cambierà nel tempo per quell’attributo specifico.

  1. Overall 40-79 (statistiche non fisse)

Se un giocatore riceve una statistica non fissa tra 40 e 79, significa che il giocatore ha ottenuto un gene di prestazione generico che si evolverà nel tempo per quell’attributo specifico. Ciò significa che il valore finale di un attributo con un gene di prestazione non fisso è sconosciuto, anche se un valore iniziale più alto indica un potenziale più alto.

Un giocatore in GOALS può ricevere quindi qualsiasi combinazione di geni delle prestazioni:
tutte le statistiche fisse;  nessuna statistica fissa; una combinazione di statistiche

(statistiche = parametri individuali)

In teoria, sebbene altamente improbabile, un giocatore potrebbe persino ottenere tutti e sei gli attributi con oltre 80 statistiche fisse, il che significa che ogni attributo sarebbe ispirato da un giocatore nella vita reale.

Per il momento non sono stati specificati quali siano i 6 attributi che forse potrebbero anche aumentare nel tempo.

GENI VISIVI

I geni visivi di un giocatore costituiranno il suo aspetto visivo unico, la realizzazione del suo aspetto grafico sarà unica riferendosi a occhi, bocca, naso, altezza, peso, acconciatura, colore dei capelli, tipo di corpo e così via.

Combinando tutti i diversi tratti visivi, ogni giocatore in GOALS viene generato proceduralmente con il proprio aspetto unico.

Oltre ai geni visivi, gli utenti potranno anche aumentare ulteriormente l’unicità dei loro giocatori applicando diversi tipi di personalizzazione grafica: braccialetti, kit, scarpe, tatuaggi, ecc.

Contrariamente ai geni delle prestazioni attivamente influenti, i geni visivi non hanno un impatto diretto sul gameplay. Le caratteristiche come l’altezza e il tipo di corporatura potrebbero avere un effetto indiretto sul gameplay anche se non legate ai parametri invidividuali per attributi come dribbling e colpi di testa.

Nel caso in cui un giocatore ottenga un gene fisso di prestazioni 80+ per la fisicità (basato quindi su un giocatore nella vita reale), il giocatore erediterà l’altezza e il peso da quel giocatore nella vita reale per mantenere le caratteristiche come la forza ed elevazione. Tutti gli altri geni visivi saranno  randomizzati.

Allo stesso modo, se un giocatore ottiene un gene di prestazione fisso 80+ per il tiro, il giocatore erediterà lo stesso piede preferito del giocatore nella vita reale, dove altrimenti sarebbe randomizzato.

GOALS vuole stabilire un nuovo standard credendo che i giocatori unici siano il futuro dei giochi di calcio. Il fatto che tu come utente possiedi giocatori digitali che nessun altro Player possiede e nessun altro Player potrà creare, crea un legame extra tra Player e giocatore digitale. Rispetto agli attuali manageriali però, in realtà l’unicità sarà assolutamente esclusiva, perché il giocatore posseduto in GOALS non sarà presente in nessuna rosa di nessuna modalità di gioco esistente o che sarà possibile creare.

Per i buoni giocatori digitali, ci sarà un valore aggiuntivo poiché non potranno essere semplicemente sostituiti da una delle altre 100.000 carte.

Aggiungendo un elemento di progressione attraverso le statistiche non fisse, aumenterà l’incertezza e l’eccitazione nel vedere come si evolverà alla fine un giocatore specifico.

Si creerà anche un’interessante dinamica di mercato, in cui non sarà mai ovvio e certo a quale età un giocatore avrà il suo valore di mercato più alto. Potrebbe essere un giovane talento, ma potrebbe anche essere un giocatore più anziano che ha realizzato con successo il proprio potenziale al massimo.

Una cosa sarà certa, dichiara GOALS: potrà esistere solo 1 giocatore migliore fra tutti in GOALS. Sarà tuo?

Nel prossimo articolo parlerò di un altro nuovo concetto che il creatore di GOALS vuole proporre con l’introduzione dei giochi blockchain e il mondo degli NFT (Non Fungible Token) : OWN YOUR TIME, PLAY AND EARN

(SEI PADRONE DEL TUO TEMPO, GIOCA E GUADAGNA)

Restate sintonizzati su ITG PES ITALIA e seguiteci su youtube perchè durante le trasmissioni live di PES OLD SCHOOL & VIDEOGAMERSLAND (https://www.youtube.com/channel/UCWklk5ZTq7NSxoN1ZRMOKHA) si parla a 360° di tutti i titoli calcistici presenti e futuri.

Prossimo appuntamento: Mercoledì 6 luglio ore 21.00

Un saluto a tutti al grido di: NO WAR E PACE PER TUTTI

Nicolas Morgese

Segui GOALS sui nostri canali
GOALS Italia – Pagina Facebook
GOALS Italia – Gruppo Facebook
GOALS Italia – Canale Telegram