Observer System Redux Recensione del titolo realizzato da Bloober Team ed arrivato sulle console next gen sin dal day one. Ecco le nostre impressioni sul titolo dopo averlo provato su Xbox Serie X anche se il videogame è fondamentalmente lo stesso anche su Playstation 5.

System Redux è la versione pensata per le nuove macchine da gioco di Observer, titolo già disponibile da oltre tre anni su PC, PS4 ed Xbox One. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un’avventura grafica in prima persona di stampo chiaramente cyberpunk e che si ispira a vari capolavori cinematografici come Blade Runner ed Inception.

Di Blade Runner ha pure un componente del cast, il compianto Rutger Hauer, di cui potrete sentire anche la voce originale. Observer infatti non è doppiato ma comunque ha i sottotitoli in italiano per chi non ha troppa dimestichezza con l’idiona anglosassone.

Corre l’anno 2084 in OSR. Il futuro si è rivelato molto più buio di quanto ci si potesse immaginare. Prima c’è stato il nanofago, una piaga digitale che ha mietuto migliaia e migliaia di vittime tra coloro che avevano potenziato i propri corpi e le proprie menti. Poi è scoppiata la guerra che ha lasciato sia l’est che l’ovest decimati e in frantumi. Non essendo rimasto nessuno per rivendicare il potere, alcune mega società private hanno preso il controllo e hanno istituito ognuna un proprio impero fondato sulla corruzione.

Nel gioco noi ricopriamo il ruolo di un “Observer”, un osservatore strumento aziendale di oppressione, temuto e disprezzato, che hackera e viola gli angoli più reconditi delle menti dei sospettati. Siamo coloro che si infiltrano nei loro sogni, che mettono a nudo le loro paure e che prelevano qualsiasi elemento necessario per la propria investigazione. Nel caso in cui siamo coinvolti questa volta però c’è di mezzo anche nostro figlio e quindi diventa tutto molto più complicato. Starà a noi scoprire la verità all’interno di un condominio finito in lockdown (termine purtroppo noto anche nel 2020 e non solo nel 2084) per il timore di una diffusione del virus “nanofago”.

Rispetto al gioco originale, questa nuova versione oltre alla “rimasterizzazione grafica next gen” aggiunge qualche contenuto in più (missioni secondarie sostanzialmente), facendo arrivare la durata dell’avventura a quasi 10 ore. L’esperienza di gioco è nuovamente quella dell’esplorazione stile avventura grafica “old school” se pur in prima persona e con tutte le possibilità cibernetiche date dall’ambientazione fantascientifica.

Ovviamente su Xbox Serie X, rispetto al titolo originale, la grafica è decisamente superiore sia per la risoluzione a 4K che per un nuovo sistema di illuminazione capace di evidenziare in modo molto più convincente e rendere ancora più immersiva la nostra esperienza che anche sotto il profilo estetico non può che ricordare Blade Runner ed in parte anche un altro film cult ma meno conosciuto chiamato Strange Days. Dobbiamo purtroppo però annotare anche qualche calo di frame rate rispetto ai 60 fotogrammi al secondo. Problema evitabile se abbasseremo la risoluzione a 1080p ma speravamo di non dover scegliere fra fluidità e qualità per un titolo del genere su una console potente come XSX.

Observer System Redux Recensione – IN CONCLUSIONE
Observer System Redux porta su Xbox Serie X e Playstation 5 l’ottima avventura grafica già provata tre anni fa con una realizzazione tecnica, se pur altalenante di valore, una piccola aggiunta di nuovi contenuti ed un tributo dovuto ad un grandissimo del cinema come Rutger Hauer. Se amate le atmosfere alla Blade Runner, non dovreste assolutamente mancarlo se possessori di una console next gen.

VOTO: 8