PES 2015: Il viaggio é iniziato tra timori e speranze

Postato Feb 5 2014 - 11:07am da ITG

Quello che segue è un lungo, dettagliato ed interessante articolo di Nicola Nykolas Morgese, apPESsionato storico della serie nonchè una colonna portante nel nostro gruppo Facebook, PES ITALIA (se ancora non ci siete, aspettiamo anche voi!). Vi lasciamo subito alla lettura e poi ai vostri commenti a fine post…

Amici videogamers, abbiamo ricevuto da ItaliaTopGames interessanti prime informazioni su PES 2015. Dopo le prime dichiarazioni di Shinji Hirano Capo della Divisione Europea Konami, il publisher annuncia che il prossimo Pro Evolution Soccer nascerà grazie alla cooperazione di due team di sviluppo: quello nipponico ed un altro che ha sede in Inghilterra.

Questa notizia rappresenta un ulteriore passo avanti nello sviluppo e nella evoluzione del titolo, perchè il team inglese saprá comprendere in maniera più efficace e precisa le esigenze dei players Europei che in questi mesi hanno inondato di suggerimenti, idee, proposte e critiche (a mio avviso in alcuni casi giuste, in altri esagerate…) il Servizio di supporto e raccolta feedbacks messo a disposizione degli utenti.

La cultura calcistica e video ludica degli Europei è diversa da quella dei nipponici e il team inglese sará prezioso anche per il “nuovo ponte” che collegherà i players occidentali agli sviluppatori di PES. Bisogna chiarire, a mio avviso, che l’implementazione di modalitá e opzioni, miglioramenti vari, ogni aggiunta e novità, dipenderá anche da tanti altri fattori relativi alle nuove risorse hardware e ai tempi di realizzazione concessi agli sviluppatori.

Teniamo presente che se il gioco sará pubblicato a fine settembre (ipotesi per tradizione), oggi 4 febbraio 2014 un 40% di PES 2015 potrebbe essere stato giá realizzato. Non abbiamo la data certa dell’inizio lavori, quello che posso ipotizzare è che i lavori siano iniziati al termine dei lavori di realizzazione di PES 2013. Si tratta di una ipotesi personale non avvalorata da alcuna informazione ufficiale.

Le aspettative degli apPESsionati sono tantissime e a mio avviso legittime, ma come sempre accade e in ogni ambito, ci sono delle sottili linee di confine tra le aspettative e le pretese. Sono dell’avviso, infatti, che l’unico reale indiscutibile DIRITTO dei PES Players di tutto il pianeta é quello di acquistare un gioco e pagare il 100% di un prodotto completo al 100% alla data di pubblicazione dello stesso.

PES può essere considerato un prodotto COMPLETO al 100% se:
– il gaming online funziona al 100%;
– le rose delle squadre presenti nel gioco sono aggiornate alla data di pubblicazione dello stesso.

Ogni altra opzione, l’aggiunta delle condizioni meteo (ci saranno) e il miglioramento della IA dei portieri (ci sarà) e ogni altra modalità ed evoluzione del gioco, non rappresentano un REALE DIRITTO ma bensì un REALE AUSPICIO.

Analizziamo i due aspetti principali:

GAMING ONLINE
Il gioco alla data di pubblicazione prevede il gaming online e deve funzionare al 100% anche online, escludendo i problemi di connessione o di utilizzo della connessione di ciascun player. Basterebbe impedire l’accesso alla modalità multiplayer a chi non accede con X e Y requisiti di connessione.

Ho varie volte ricevuto conferma da tante persone che durante le sessioni di gioco online, per motivi vari non vengono adottate elementari predisposizioni per la miglior resa della propria linea dati. Se si gioca online con la console collegata al modem/router in modalità wi-fi, con 2 o più smartphones attivi in wi-fi, con il pc della sorella collegato a youtube per scaricare gli ultimi video del cantante preferito, poi non comprendo con quale coraggio si possano postare o inviare lamentele e imprecazioni di vario genere, nonchè critiche denigratorie e per nulla utili e costruttive.

Chi vi scrive non ha MAI avuto problemi di nessun genere nel gaming online (dopo i primi aggiornamenti ufficiali) pur utilizzando una connessione ADSL standard. E’ ormai noto a tutti che le connessioni ADSL Italiane sono le meno efficienti in Europa, ma ci sono alcuni accorgimenti che se adottati possono migliorare sensibilmente l’efficacia della sessione di gaming online:

Connessione CONSOLE-MODEM/ROUTER in modalità ethernet
Nel caso ci sia eccessiva distanza tra la CONSOLE e il M/R, è possibile applicare adattatori ethernet reperibili in commercio e che si collegano alle prese di alimentazione elettrica presenti in ogni stanza di un appartamento.
Collegare la CONSOLE e il M/R con i cavi/connettori ethernet sarà a questo punto possibile.

Interruzione, se possibile, di ogni altro collegamento wi fi presente in casa (PC, Smart TV, Laptop, Netbook, Smartphone)

Interruzione/sospensione, se possibile, di ogni download attivo sul o sui personal computer presenti in casa.

Scelta, se e quando possibile, di una lobby IT/stanza di gioco con players italiani

AGGIORNAMENTI
Il gioco deve offre le rose aggiornate alla data di pubblicazione dello stesso. Ogni successivo DLC e AGGIORNAMENTO generalmente EA e KONAMI, come tante altre software house per i propri titoli, decidono di offrirlo gratuitamente. 2K SPORTS con le proprie fantastiche simulazioni sportive (sigh… manca il calcio) offre aggiornamenti gratuiti ma sappiamo anche che ci sono altri titoli/software che offrono aggiornamenti e opzioni aggiuntive a pagamento.

La scelta di offrire gli aggiornamenti gratuiti è da apprezzare, considerando il fatto che i giochi hanno un prezzo non modico. Spiace dover sottolineare quanto KONAMI, sull’aspetto aggiornamenti rose, abbia mostrato di non essere organizzata come EA nell’offrirli in tempo reale.

Questo è dovuto a tanti aspetti tecnici, giuridici, economici e di vario genere di cui non faccio cenno in questo articolo e che non reputo in ogni caso una giustificazione completamente valida. D’altra parte, va però riconosciuto un altro aspetto e cioè quello della possibilità offerta in PES, con l’opzione MODIFICA, di editare e modificare a piacimento SQUADRE, TRASFERIMENTI e tanto altro. E’ una opzione ESISTENTE nel gioco che viene acquistato.

Io al termine della sessione di calciomercato di Gennaio 2014, ho aggiornato il roster del mio PES 2014 in soli 20 minuti e aggiornando anche le squadre della SERIE B e diverse squadre Europee. Questo non vuol dire che chiunque sia obbligato a utilizzare l’edit squadre, ma non vuol dire nemmeno che Konami sia responsabile del fatto di averla inclusa nel gioco. Ai tempi della mitica Playstation 2 e del mitico PES PS2 (su tutti la versione 2006), gli unici aggiornamenti erano quelli offerti dai singoli smanettoni o dai patchers che vorremmo tutti beatificati e santificati 🙂 Papa Francesco riceverà una visita dalla delegazione World P.P.P.P. (i Pes Players più Pazzi del mondo) 🙂

Altro aspetto importante è la possibilità offerta da Konami agli editors grafici e ai patchers di creare e pubblicare patch non ufficiali ma sicuramente eccellenti e che nella maggior parte dei casi completano il gioco dal punto di vista grafico e dell’aggiornamento rose, nonchè per la presenza di tutto ciò che la casa nipponica non ha potuto acquistare per le esclusive “licenze” offerte a EA. Sull’argomento “licenze” sono in completo disaccordo con la FIFA, l’UEFA, le Federazioni Nazionali, le singole società e i singoli calciatori, perchè nei videogames a mio avviso la differenza tra un titolo e l’altro dovrebbe essere determinata SOLO ED ESCLUSIVAMENTE dalla bravura e creatività degli sviluppatori, non dalla concessione di esclusive al miglior offerente del vile denaro.

Il CALCIO è di tutti, sono i tifosi e gli utenti a determinare la fortuna del mondo calcistico e la pur giusta e legittima vendita di marchi e diritti, nomi di squadre e stadi, grafica degli stadi e dei terreni di gioco, dei volti e delle sembianze dei singoli giocatori e di ogni kit di ogni azienda che vende abbigliamento sportivo, dovrebbe essere effettuata in egual misura e a tutte le software house che vogliono regalare ai propri utenti un gioco sportivo e sottolineo in grassetto la dicitura SPORTIVO. Se milioni di tifosi e players si unissero per una epica protesta e astensione da CALCIO e VIDEOGAMES, ci sarebbero decessi e svenimenti per tifosi e players ma anche il fallimento delle aziende di un intero pianeta calcistico e videoludico. Tornando alle patches più diffuse, come le mitiche PES EDIT e MOP, sappiamo che esse offrono agli utenti un lavoro che forse viene spesso considerato scontato e dovuto, quando la software house nipponica volendo potrebbe impedirlo rendendo non accessibili ne modificabili i files invece editabili.

Al termine delle analisi dei sopracitati due requisiti principali e prioritari che possiamo definire un “DIRITTO DEGLI UTENTI” ASSOLUTO nel caso del funzionamento del gaming online, RELATIVO e AUSPICATO nel caso degli aggiornamenti rose successivi alla prima pubblicazione del titolo, possiamo augurarci che tutti gli altri aspetti, il resto delle opzioni e delle aggiunte proposte dai players di tutto il pianeta, rendano il prossimo PES 2015 il gioco che tutti ci attendiamo.

Chiudo l’articolo con una frase:
LUNGA VITA A PES-KONAMI, LUNGA VITA A FIFA-EA ma da un pò di tempo auspico “l’ingresso in campo” di 2K SPORTS e NAMCO che certamente ci offrirebbero un prodotto “fantastico”. Di questo aspetto parleremo nel prossimo articolo e tanti di voi scopriranno il perchè io abbia citato la NAMCO.

Nicola Nykolas Morgese
psn: nykolasalbert

Commenta con Facebook

5 Commenti Unisciti alla discussione!

  1. nuno 5 febbraio 2014 at 17:52 -

    certo tutto giusto una buona analisi però con queste generazioni di console all attivo parlo di ps4 e xbox one non ci sono più scuse altrimente rimane tutto ridicolo e konami rischia di affondare completamente si gioca molto col 2015 visto che dietro si vocifera le entrate di nuovi giochi di calcio al di fuori di ea e konami da un lato meglio così una cosa che critico sono le recensioni voti troppo alti quest anno a pes e fifa dovrebbero essere più onesti coi videogiocatori

  2. cristiano 7 febbraio 2014 at 19:27 -

    io credo e spero che si diano una mossa.. e piu’ che altro una scossa!!!! seabass forse era l’unico a dare il massimo in sto gioco

  3. cristiano 7 febbraio 2014 at 19:28 -

    infatti devono dare giochi completi!1 e non emetterli a 70 euro!! incompleti

  4. cristiano 7 febbraio 2014 at 19:29 -

    spero tanto entri in gioco 2k sports per il calcio!!!

  5. pat 28 maggio 2014 at 15:49 -

    GAMEPLAY!!! su quello devono lavorare seriamente per battere la concorrenza non per avvicinarsi soltanto! basta giocatori e movimenti macchinosi! basta dover utilizzare patch per ottimizzare il gioco che alla fine resta frustrante! come ogni anno inizia l’attesa, staremo a vedere..