EA Sports WRC Recensione del primo videogame firmato Electronic Arts e Codemasters con licenza ufficiale della Fia World Rally Championship più semplicemente in italiano il Campionato del Mondo di Rally dopo che la licenza è passata nel corso degli anni dalle mani di Sony a quelle di Milestone, di Nacon ed infine ad EA. Codemasters non ha mai fatto un videogame su WRC ma tra Colin McRae, Dirt ed altri titoli nell’arco di un quarto di secolo di competenza in ambito di corse off road ne ha a dismisura ed infatti il risultato finale, anticipando le conclusioni, ci ha convinti appieno.

Disponibile per Playstation 5 (la versione da noi testata), Xbox Serie X|S e PC, l’obiettivo principale del gioco rimane quello di riportare l’emozione del World Rally Championship in tutti i salotti dei fans di rally e dei videogiocatori appassionati del genere grazie alla licenza ufficiale FIA ma puntando ad una qualità superiore rispetto al passato e la scelta di “tagliare” le console old gen è appunto in quella direzione.

In EA Sports WRC quantità (sia per il single che per il multiplayer) e qualità vanno di pari passo così come la possibilità di personalizzare la propria esperienza interattiva. Ma iniziamo a dare alcuni numeri. La produzione di Codemasters  vanta oltre 600 chilometri di strade uniche, con più di 200 tappe in 17 località reali che rispecchiano meticolosamente il calendario di WRC. Il gioco offre anche una gamma completa di veicoli, tra cui modelli attuali e storici, che coprono 60 anni di storia del rally. I giocatori possono rivivere l’evoluzione di questo sport, dai suoi inizi a due ruote motrici fino all’intensa era del Gruppo B. L’elenco completo delle auto è disponibile qui.

L’introduzione dell’editor auto realizza il sogno di chi desidera costruire la propria 4 ruote da rally moderna. Ci sarà da selezionare il telaio, la carrozzeria e le importantissime parti meccaniche prima di personalizzare gli interni e gli esterni, e infine personalizzatela con l’editor di livree. Mettete alla prova l’auto e apportate tutte le modifiche necessarie prima di competere per il World Championship nelle gare migliori che WRC può offrire.

Difficile parlare di gameplay semplicemente perché l’approccio personalizzabile al modello di guida consente davvero di crearsi il gioco su misura e sarà difficile che qualcuno non troverà il giusto setup che lo soddisfi. Per quanto riguarda la nostra esperienza, siamo rimasti soddisfattismi da EA Sports WRC in particolare per la qualità delle piste ed il feeling molto convincente qualsiasi fosse l’impostazione dei parametri, sia se spostati verso la simulazione che l’arcade.

Passiamo poi alle modalità di gioco dove davvero non manca la varietà. Si comincia dalla Carriera Single Player, non particolarmente originale ma comunque capace di mescolare varie tappe reali della WRC con altri eventi legati alla storia del rally. Ci sarà da gestire una squadra di ingegneri e mantenere buoni i rapporti con l’investitore principale.

Vicino alla carriera, c’è il campionato ed altre variazioni sul tema mentre on line il multiplayer cross-platform a 32 giocatori è sicuramente la punta di diamante di quanto proposto da EA Racenet, l’applicazione di EA dedicata alle corse. I Club fungono da centri di aggregazione per la community, offrono tornei personalizzati multi-piattaforma e consentono di gareggiare in qualsiasi luogo e periodo dell’anno. Oltre agli eventi personalizzati, i Moments, aggiornati quotidianamente nel gioco, offrono ai giocatori la possibilità di rivivere scenari cruciali della stagione 2023 insieme a eventi tradizionali tratti dagli archivi di questo sport.

Unico aspetto che ci ha fatto un po’ storcere il naso è che ci sono dei contenuti disponibili solo con il VIP Pass e/o con l’abbonamento ad EA Play. E’ oramai un dato di fatto questo per i titoli sportivi ma come produzione reboot della serie WRC forse si poteva evitare per questa edizione secondo la nostra opinione.

Per quanto rigurda infine la realizzazione visiva, si nota subito che l’aver tagliato le console old gen ha portato i suoi frutti con un dettaglio generale molto elevato e con il frame rate a 60 fotogrammi al secondo. Le ambientazioni sono molto suggestive così come è ben realizzato il meteo, in particolare è un piacere gareggiare mentre c’è la neve che cade. C’è qualche piccola sbavatura come il pubblico fin troppo statico o la qualità dei volti dei protagonisti ma niente che infici in alcun modo una realizzazione convincente.

Per quanto riguarda la componente audio, il gioco è stato completamente localizzato in italiano e abbiamo apprezzato molto la sincronizzazione con cui il co-pilota ci fornisce le indicazioni sul tracciato. Gli effetti sonori svolgono bene il loro compito mentre la tracklist emerge solo tra i menù e durante i replay.

EA Sports WRC Recensione – IN CONCLUSIONE
Codemasters non delude affatto e ci propone senza ombra di dubbio il miglior gioco di rally basato sulla licenza ufficiale WRC. Quantità (sia per il single che per il multiplayer) e qualità vanno di pari passo così come la possibilità di personalizzare la propria esperienza interattiva. Se non arriviamo al 9 pieno è soltanto per qualche piccola rifinitura mancante e per la presenza leggermente troppo invadente di contenuti a pagamento ma se amate le corse fuori strada non dovreste assolutamente farvi sfuggire EA Sports WRC.

VOTO: 8.5